Reportage

Incontri polari: alla scoperta delle opere di Michel Aubéry al Museo Oceanografico

michel-aubery-mostra-incontri-polari
Monaco Tribune / Paul Charoy

L’artista ha lavorato indefessamente per diversi mesi per dare vita ai suoi leopardi delle nevi, ermellini, pinguini e volpi artiche. Il 17 ottobre, il Principe sovrano è venuto ad ammirare il frutto del suo lavoro al Museo Oceanografico.

Qualche mese fa, abbiamo avuto il privilegio di incontrare Michel Aubéry nel suo laboratorio e di ammirare in anteprima alcune delle sue tele, in vista della mostra che aprirà martedì al Museo Oceanografico.

La mostra, intitolata “Incontri Polari”, è stata inaugurata lunedì sera, alla presenza del Principe Alberto II, che ha visitato le opere accompagnato dall’artista stesso. Questi dipinti, che fanno parte della mostra “Missione Polare”, mostrano la diversità delle specie presenti nei poli, ma anche la grande necessità di salvaguardarle e di tutelare il loro habitat naturale. Del resto, si tratta di temi molto importanti per il Sovrano e per la sua Fondazione.

Nella prestigiosa cornice del Museo Oceanografico, le tinte accese dei colori acrilici e dei pennarelli Uni Posca ci invitano a incontrare numerose specie animali che popolano i poli.

Con una quarantina di opere, l’artista ci invita a un viaggio attraverso le sue emozioni: tele coloratissime e fantasiose, altre più cupe ed enigmatiche, altre ancora essenziali e realiste… È un intero universo che si svela davanti ai nostri occhi e che ci rende consapevoli dell’importanza di tutelare queste numerose specie animali. Anche per i più piccoli è un’occasione per scoprire nuovi animali e ammirare stupiti tutti questi colori che si mischiano. “È un tema che mi piace molto, penso sia un’ottima idea quella di mostrare gli animali polari” racconta l’artista.

Non è certo la prima volta che Michel Aubéry espone le sue opere al Museo Oceanografico: l’artista aveva già realizzato una prima mostra dedicata alle tartarughe marine nel 2017, e una seconda dedicata alle barriere coralline nel 2020.

La mostra “Incontri polari” sarà visitabile fino al 20 novembre.