Pubblicità »
Intervista

Tutto quello che dovete sapere sulle api e sul miele di Monaco

apicoltore
Il miele di Monaco viene raccolto due volte l'anno, a giugno per gli APIdays e ad agosto - © Monaco Tribune

Non è disponibile in commercio, ma il miele di Monaco ha un sapore eccezionale.

A volte ci spaventiamo quando ci si avvicinano nel bel mezzo di un picnic o di una passeggiata, ma le api sono essenziali per l’uomo e forse dovremmo imparare ad amarle di più. Sapevi, ad esempio, che l’80% del nostro cibo viene impollinato dalle api? “Senza di loro, avremmo molta meno scelta di alimenti e dovremmo dire addio a mele, pere, fragole, avocado, zucchine e tanto altro”, afferma Lucien Guerin, un apicoltore in pensione.

Pubblicità

Il calabrone: la minaccia più grande

Nell’ambito degli APIdays*, che sono stati organizzati nel Jardin de l’Unesco sulle terrazze di Fontvieille da giovedì 15 a sabato 17 giugno, gli appassionati sensibilizzano il pubblico, e in particolare le scolaresche del Principato, sulla protezione di questo piccolo insetto la cui popolazione sta diminuendo drasticamente in tutto il mondo. Le ragioni di questo disastro sono molteplici, ma il degrado ambientale e l’uso di pesticidi sono sicuramente le cause principali.

A Monaco, il principale predatore delle api è il calabrone asiatico ed europeo. “Ogni anno perdiamo gran parte dei nostri alveari”, si lamenta l’apicoltore. Un’altra minaccia per le nostre amiche gialle e nere è il Varroa destructor: un acaro che attacca le api operaie, i bombi adulti e le larve indebolendole.

Pubblicità »

Bastano una decina di calabroni per decimare una colonia di api in pochi giorni – © Monaco Tribune

Nel Principato vengono regolarmente installate le trappole, ma anche chi ha un giardino o un balcone può realizzarle artigianalmente per sostenere il lavoro dei giardinieri. “Ci sono molti tutorial disponibili su internet”, dice uno dei professionisti presenti. “Sono facili da realizzare utilizzando materiali che si possono trovare in casa, come ad esempio le bottiglie”.

Il miele di Monaco, un gusto “esotico”

Visto che non è disponibile in commercio, sono pochi i fortunati che hanno l’occasione di gustare questo oro giallo “made in Monaco”. Durante i tre giorni di laboratori, viene regalato ai bambini, ma anche al Palazzo del Principe e alle case di riposo del Principato. “È un piccolo regalo che di solito viene offerto durante le feste di fine anno”, spiega Laurent Pasteau, responsabile del Dipartimento di Sviluppo Urbano.

Pubblicità »

Ogni anno, il disegno dell’etichetta dei vasetti di miele di Monaco viene realizzato dagli alunni delle scuole del Principato – © Monaco Tribune

“Questo miele ha un sapore molto particolare”, dice Lucien. “È leggermente esotico, con note di mango o litchi”. È un prodotto eccezionale che non si trova da nessun’altra parte, merito del clima, ma anche della grande varietà di fiori e vegetazione del Principato.

I giardinieri del Principato impegnati nella causa

Nonostante a Monaco ci siano alcuni alveari, in particolare al Museo dei Francobolli e delle Monete, ai piedi della Torre Odeon e intorno al Monte-Carlo Bay, le api sono ovunque. Dato che sono disperse su tutto il territorio, non sono poi così tante e le squadre di giardinieri si impegnano per proteggerle il più possibile: “Tutti i prodotti che usiamo sono biologici ed evitiamo di trattare le aree intorno agli alveari”, dice uno di loro.

Ma quest’anno, con la siccità, i fiori e il loro nettare, di cui le api vanno ghiotte, non sono cresciuti come previsto. “È tutto imprevedibile ormai”, dice un apicoltore. “La siccità, ma anche le forti tempeste legate al cambiamento climatico, danneggiano le piante, con conseguenti ripercussioni sulle api che se ne nutrono”.


* Gli APIdays sono un evento annuale organizzato in collaborazione con gli apicoltori partner, intitolato “L’ape, sentinella dell’ambiente e degli apicoltori”. Queste giornate nazionali sono un’opportunità per gli apicoltori di fare campagne, informare e sensibilizzare le autorità pubbliche, i media e la popolazione in generale sulle misure concrete da adottare per proteggere le api e promuovere l’apicoltura.