Foto

La Famiglia Principesca ha inviato in Senegal 46 tartarughe di una specie a rischio

principe-ereditario-jacques-principessa-gabriella-testuggine-sulcata
© Eric Mathon / Palazzo del Principe

Le tartarughe erano ospiti del Museo Oceanografico da diversi anni ed erano state donate dal Presidente del Mali al Principe Alberto II.

I gemelli principeschi seguono le orme dei loro genitori. Il Principe Alberto II e la Principessa Charlène hanno voluto sensibilizzare il Principe Ereditario Jacques e la Principessa Gabriella sulla salvaguardia della biodiversità e delle specie marine fin dalla più tenera età.

famiglia-principesca-testuggine-sulcata
© Istituto oceanografico di Monaco / Philippe Fitte

Sabato, per il loro compleanno, i gemelli hanno partecipato ai preparativi per la reintroduzione in Senegal di 46 tartarughe, in modo da accrescere le popolazioni locali di questa specie a rischio. Oltre ad aver posizionato delicatamente diverse tartarughe, i piccoli hanno decorato le sei casse in legno adibite al trasporto.

principe-ereditario-jacques-istituto-oceanografico
principessa-gabriella-principessa-charlene
© Istituto oceanografico di Monaco / Philippe Fitte

Diversi anni fa, il Presidente del Mali Amadou Toumani Touré aveva donato sette testuggini sulcate al Principe Alberto II per sensibilizzare la popolazione sulla progressiva scomparsa di questa specie a rischio. 80 m² del tetto del Museo Oceanografico erano stati appositamente organizzati per ospitare questi esemplari, i più grandi del continente africano che possono raggiungere i 100 kg.

LEGGI ANCHE: Il Principe Ereditario e la Principessa Gabriella hanno festeggiato il loro ottavo compleanno questo week-end.

Una reintroduzione graduale

Da allora, grazie alle preziose cure dell’Istituto Oceanografico, le sette tartarughe si sono riprodotte e i loro discendenti contribuiranno all’accrescimento delle popolazioni selvatiche africane. In tutto, sono nate 49 tartarughe ma solo 46 arriveranno in Senegal.

trasferimento-testuggini-sulcate-cassa
© Istituto oceanografico di Monaco / Philippe Fitte

Al loro arrivo al Villaggio delle tartarughe di Noflaye martedì, gli esemplari saranno prima messi in quarantena per sei mesi per farli abituare al nuovo ambiente, al nuovo clima e al nuovo cibo, e per poter monitorare il loro stato di salute e la loro acclimatazione. Se tutto va come sperato, le tartarughe saranno reintrodotte nella Riserva naturale di Koyli Alpha nella parte nord occidentale del paese.