Pubblicità »
Servizio

Sono 10 e diventeranno presto leader per l’ambiente

promotion-re-greneration-fondation-prince-albert-II-compressed
Insieme al Principe Alberto II, il primo gruppo del programma Re.Generation lanciato dalla Fondazione Principe Alberto II. © Axel Bastello / Palazzo del Principe di Monaco

La Fondazione Principe Alberto II ha appena accolto il primo gruppo di partecipanti al programma Re.Generation.

Per quindici giorni, dal 2 al 13 luglio, questi dieci giovani under 35 sono stati ospiti nel Principato. Si tratta della prima selezione per il programma Re.Generation, lanciato a maggio dall’FPA2.

Pubblicità

Chi sono?

“Volevamo selezionare profili particolarmente promettenti provenienti da tutto il mondo e, soprattutto, profili eterogenei. Non si tratta di studenti, ma di persone già formate”, ha spiegato Olivier Wenden, vicepresidente dell’FPA2, sottolineando che si tratta di “talenti già affermati”. Un aspetto importante di questa selezione è che tutti hanno già realizzato diverse iniziative a favore dell’ambiente. Ecco l’elenco dei dieci nominati:

  • Ghassan Atallah – Consulente finanziario – Libano
  • Jahawi Bertolli – Regista e presentatore televisivo, Esploratore Nat Geo – Kenya
  • Sabrine Chennaoui – Imprenditrice ecologica – Tunisia
  • Pedro Fernandez – Ingegnere agronomo – Argentina
  • Victoria Herrmann – Storyteller e geografa – USA
  • Gunjan Menon – Regista specializzata in fauna selvatica – India
  • Imogen Napper – Biologa marina ed esploratrice Nat Geo – Regno Unito
  • Federico Perez – Imprenditore sociale e ambientalista – Colombia
  • Valy Phommachak – Ecologista e giornalista – Laos
  • Anne-Sophie Roux – Imprenditrice oceanica e attivista – Francia

Con un calo medio delle popolazioni di animali selvatici pari al 69% negli ultimi decenni, il programma mira a formare questi leader per guidare e ispirare la generazione futura. Molti partecipanti sono specializzati nella comunicazione sulle questioni ambientali, non solo per documentare i cambiamenti e sensibilizzare l’opinione pubblica, ma anche per incoraggiare ad agire. Scopriamo insieme il percorso di tre dei partecipanti e i loro progetti:

Pubblicità »

Anne-Sophie Roux è un’imprenditrice e attivista per gli oceani con una formazione in scienze sociali e politiche. Grazie al suo impegno nel ripristino di habitat marini come le barriere coralline e le mangrovie, ha potuto constatare il profondo impatto che queste hanno sulle comunità locali. La giovane francese ha creato la start-up Tēnaka, che aiuta a ripristinare i sistemi costieri attraverso programmi offerti alle aziende. Anne Sophie Roux è stata nominata Young Ocean Leader dall’organizzazione no-profit americana Sustainable Ocean Alliance, di cui è diventata rappresentante per la Francia.


Imogen Napper è una biologa marina ed esploratrice del National Geographic. È stata definita “detective della plastica”, poiché la sua ricerca si concentra sulle diverse fonti di inquinamento da plastica nell’ambiente. Il suo lavoro ha contribuito alla legislazione che vieta le microsfere negli scrub per il viso, ha analizzato il modo in cui inquiniamo il pianeta lavando e indossando i nostri vestiti, ha dimostrato che i sacchetti di plastica biodegradabili possono ancora contenere un intero carico di spesa dopo essere stati immersi nell’oceano per tre anni e ha trovato la più alta quantità di microplastiche del pianeta vicino alla cima del Monte Everest.


Jahawi Bertolli è un esploratore del National Geographic, regista e presentatore televisivo specializzato in fauna selvatica e mondo sottomarino. Racconta le storie della fauna africana e della sua tutela attraverso gli occhi delle comunità che hanno vissuto in questi luoghi. Il suo cortometraggio “Bahari Yetu” è stato finalista ai Jackson Wild Media Awards, è stato selezionato ufficialmente al 2021 International Wildlife Film Festival e ha vinto l’Howard Hall Award of Excellence al 2021 Ocean Geographic Society Picture of the Year. Presenta una nuova serie su CBBC realizzata dal reparto di storia naturale della BBC ed è stato co-conduttore della serie Ecoflix “The Pulse” e della serie PBS YouTube “In Our Nature”.

Pubblicità »

Scoprite tutti i partecipanti su Re.Generation Leaders.

Primo campus a Monaco

In questi quindici giorni, il gruppo di talenti ha potuto approfittare di diverse masterclass, oltre che di moduli di formazione e coaching personalizzati volti a rafforzare le loro competenze in materia di leadership e comunicazione, erogati dall’Università di Edimburgo e dall’INSEAD.

Pubblicità »

E per mettere tutto subito in pratica, si sono recati nel Mar Mediterraneo per incontrare le specie marine del santuario Pelagos. L’occasione perfetta per condividere con Monaco Info alcune prime impressioni. “Il programma ci permette di fare molta introspezione e scoprire quali sono le nostre debolezze e i nostri punti di forza. È molto importante in questo contesto ambientale”, afferma Ghassan Atallah.

“L’opportunità di venire a Monaco, di imparare e di incontrare persone incredibili, mi sta aiutando molto a sviluppare il mio progetto”, dice Jahawi Bertolli, che lavora in Kenya per creare aree marine protette.

Unico membro francese del gruppo, Anne-Sophie Roux, è entusiasta delle persone che ha incontrato nel suo percorso, che le hanno permesso di avere una “mente incredibilmente aperta”.

Pubblicità »

Al termine del campus, che si è concluso il 13 luglio, la Fondazione ha aperto a questi giovani le porte della sua rete per un anno. Interventi in occasione di eventi internazionali, partecipazione a programmi mediatici… L’obiettivo è dare loro la massima visibilità affinché possano creare nuovi progetti per la salvaguardia del pianeta.

Il Principe Alberto II di Monaco ha patrocinato questo primo gruppo e ha accolto i dieci giovani a Palazzo per una chiacchierata sul loro impegno per l’ambiente.