Pubblicità »
Pubblicità »
Intervista

Olivier Wenden: “Quando si tratta di ambiente, dobbiamo rimanere ottimisti”

olivier-wenden-fondazione-principe-alberto-ii
© Dipartimento di Comunicazione / Michael Alesi

Il vicepresidente e direttore generale della Fondazione Principe Alberto II ha parlato della sua carriera, dei suoi successi e degli obiettivi per il 2023.

Pubblicità

Vista la sua agenda fitta di impegni, è stato difficile trovare un momento per incontrare Olivier Wenden. Ha trovato uno spazio per noi in una sera di gennaio, nella sede della Fondazione – una sublime casa Belle Époque sul Boulevard de Suisse – il cui ruolo, fin dalla sua creazione nel 2006, è quello di lottare contro il cambiamento climatico.

Intorno a un tavolo rotondo, inizia con grande modestia a parlare della sua prestigiosa carriera. Cresciuto nel Principato, Olivier Wenden ha frequentato il Lycée Albert I prima di trasferirsi a Parigi e poi a Bordeaux per studiare Scienze politiche. Ha conseguito un Master alla Sorbona in affari internazionali, frequentando nel contempo campi estivi negli Stati Uniti.

Il desiderio di servire Monaco

“Ho capito molto presto che volevo lavorare nella diplomazia per servire Monaco. E quando ho terminato i miei studi a Parigi nel 2003, mi sono scontrato con una realtà destabilizzante. Trovare lavoro nella capitale, per me che sono monegasco, non era così semplice, perché c’erano ancora pregiudizi sul fatto che noi non avessimo necessariamente bisogno di lavorare”, ricorda Olivier Wenden, che poco dopo ha colto al volo l’opportunità di unirsi al Grimaldi Forum. L’allora trentenne ricorda l’esperienza come “due anni assolutamente incredibili” durante i quali ha promosso le grandi mostre estive.

Dopo aver promosso per un anno progetti per lo sviluppo della sua azienda, Olivier Wenden è entrato a far parte della squadra di Stéphane Valeri al Consiglio Nazionale: “Grazie al mio livello di inglese e in particolare alla mia visione internazionale, sono stato subito incaricato delle relazioni internazionali oltre che del dipartimento di comunicazione”. Una missione che è durata cinque anni e che ha poi lasciato per entrare a far parte del Dipartimento delle Relazioni Estere e della Cooperazione del Governo del Principe.

Una telefonata ha cambiato tutto

Un anno dopo, Olivier Wenden ha ricevuto una telefonata dalla Fondazione Principe Alberto II. Era stata appena aperta una nuova posizione: quella di direttore esecutivo, che ricoprirà dal 2014 al 2019.”È stata un’opportunità incredibile, avevo 33 anni e mi ha messo davanti molte difficoltà da superare. E poi, lavorare per il Sovrano è sempre una grande sfida”.

La sfida, però, è stata superata a pieni voti: da ottobre 2019, Olivier Wenden è stato promosso vicepresidente e direttore generale della fondazione. I suoi compiti? “Attuare la strategia approvata dal Consiglio di amministrazione sotto la presidenza del Principe, accompagnarlo nei suoi viaggi per gli eventi della Fondazione, come le COP, guidare i team della sede centrale, ma anche la rete delle filiali estere della Fondazione”, spiega, aggiungendo che la prossima, l’undicesima, sarà a San Paolo, in Brasile.

“Speriamo che la prossima sia nel continente africano. Dobbiamo avere un punto d’appoggio nei Paesi più inquinanti, come la Cina, ma anche in quelli che possono offrire le soluzioni migliori. Il Brasile è fondamentale perché c’è l’Amazzonia, ad esempio”.

Olivier Wenden è anche impegnato in quello che chiama “il nervo della guerra”, ovvero la raccolta fondi: “oggi siamo orgogliosi di poter investire o erogare fino a dieci milioni di euro all’anno, tra le nostre iniziative e i progetti che sosteniamo”.

Migliaia di progetti

Quando chiediamo a Olivier Wenden di parlarci di un progetto che gli sta particolarmente a cuore, non gli è facile rispondere.”Il Principe stesso afferma che è molto difficile nominare un solo progetto della Fondazione, ma possiamo essere orgogliosi perché in soli 16 anni siamo riusciti a salvare specie come il tonno rosso, il gipeto e l’ibis calvo. La foca monaca è la nuova sfida”, afferma l’appassionato.

I successi sono sicuramente da attribuirsi anche al fatto che la Fondazione è presieduta da un Capo di Stato in carica. “L’immagine positiva del Sovrano, il suo sincero impegno personale, lodato da tutti, la sua credibilità e quella dei Principi di Monaco in generale, sono un vettore di ascolto”, afferma Olivier Wenden, che riconosce con orgoglio di avere “un rapporto di rispetto e fiducia” con il Principe.

Il Principe Alberto II con l’esploratore Bertrand Piccard e Olivier Wenden a marzo 2022 – © Dipartimento di Comunicazione / Manuel Vitali

Per il 2023, il vicepresidente ha parecchio lavoro da fare: “Stiamo lanciando un’iniziativa per i giovani leader sotto i 35 anni, nonché un’iniziativa sulle foreste e sulle comunità indigene, per far sentire meglio la loro voce. Questa si concretizzerà con un grande seminario alla fine di novembre 2023. Stiamo anche consolidando ciò che già esiste, come la Monaco Ocean Week, che prevede 45 eventi in una settimana, e la 16a cerimonia di premiazione della Fondazione, che si terrà a Philadelphia il 27 ottobre 2023 alla presenza del Sovrano”.

Il suo rapporto con la natura

Con una parte della sua famiglia originaria dell’Alta Savoia e un’altra della Corsica, Olivier Wenden è cresciuto con un occhio di riguardo per la natura.”Io e mio fratello abbiamo avuto la fortuna di essere stati educati al buon senso: pochi rifiuti, non troppa plastica in casa… E quando sono diventato padre, sono stato ancora più attento a ciò che mangiavo, e in generale al modo in cui consumavo”, confida.

Quando gli chiediamo se è ottimista o pessimista sul futuro del pianeta, risponde senza esitare: “Dobbiamo rimanere ottimisti. Stanno accadendo cose molto belle, nonostante le delusioni. Le soluzioni esistono. Nella nuova generazione, per esempio, la scelta di un acquisto è diversa, perché entrano in gioco l’etica e l’ambiente. Anche l’usato sta prendendo piede. Di conseguenza, c’è anche una presa di coscienza da parte delle aziende, stiamo assistendo a un cambiamento”.