Travolto dall’offensiva lionese durante il primo tempo, il Monaco ha subito una pesante sconfitta (4-1) contro il Lione nella partita giocata la scorsa domenica allo Stadio Groupama.

È una sconfitta che potrebbe avere delle conseguenze. Durante i quarantacinque minuti, i monegaschi non sono riusciti a tentare più di quattro tiri contro i lionesi, che si sono accontentati di approfittare degli errori della difesa avversaria per portare a casa la vittoria. Con un primo tentativo perfettamente realizzato, il Lione comincia a contare i goal con una rete di Memphis Depay (12′, 1-0), nonostante l’AS Monaco avesse condotto la partita fino a quel momento, sprecando il colpo di testa di Youssouf Fofana su un passaggio perfetto di Djibril Sidibé (7’).

Ma con una difesa troppo debole, i monegaschi sono crollati, lasciando che Karl Toko-Ekambi raddoppiasse il risultato (34’, 2-0) seguito da Houssem Aouar (41’, 3-0), che ha sfruttato un rigore concessogli da Djibril Sidibé. E come se non bastasse, Toko-Ekambi, ancora una volta, approfitta di un malinteso tra Benoît Badiashile e Florentino Luis in area per fare una doppietta (44’, 4-0) e stordire i monegaschi che rientrano negli spogliatoi a testa bassa.

Travel Club Monaco

Un leggero miglioramento nel secondo tempo

Dopo l’intervallo, Niko Kovac effettua tre cambi per rafforzare la difesa, mettendo in campo Chrislain Matsima, seguito da Cesc Fabregas e Caio Henrique. Finalmente l’AS Monaco sembra riprendersi, con un goal di Wissam Ben Yedder (47’, 4-1) segnato su un rigore dopo un fallo in area su Ruben Aguilar.

Ma anche se i giocatori del Monaco si mostrano più agguerriti nel secondo tempo, i compagni di squadra di Benjamin Lecomte non sono riusciti a segnare una seconda rete, nonostante il tiro di Ben Yedder su un’apertura di Fofana (76′). Nell’ultima parte dell’incontro, il Lione si è ritrovato a terminare la partita con 10 giocatori in campo dopo un fallo di Melvin Bard su Aguilar (89’), ma il Monaco non è comunque riuscito ad approfittarne.

Una pesante sconfitta che fa scendere la squadra sotto il decimo posto in classifica, a una settimana dalla partita contro il Bordeaux che si giocherà al Luigi II.