Sono 17  i nuovi casi positivi dichiarati nel Principato il 28 ottobre. In Francia è ormai deciso: il lockdown entrerà in vigore da venerdì 30 ottobre.

I casi a Monaco non erano mai stati così tanti dall’inizio dell’epidemia da coronavirus. Oggi, il bilancio sale a 337 contagiati. Otto pazienti sono ricoverati al Centro Ospedaliero Principessa Grace, di cui cinque in rianimazione, 74 positivi sono in isolamento domiciliare, mentre i guariti salgono a 256.

Ritorna l’autocertificazione e chiudono bar e ristoranti

Il 28 ottobre, il presidente Macron ha annunciato una notizia temuta da tutti i francesi: un nuovo lockdown, che entrerà in vigore da venerdì a mezzanotte fino al primo dicembre.Ci saranno comunque delle differenze con quello della primavera scorsa: gli asili, le scuole elementari e i licei resteranno aperti, si continuerà a lavorare e gli ospiti delle case di riposo potranno ricevere visite.

“Lo smart working è nuovamente consigliato ovunque sia possibile”, ha precisato il presidente. Tutti gli esercizi commerciali non essenziali, tra cui bar e ristoranti, dovranno chiudere. Come in primavera, le uscite dovranno essere giustificate con un’autocertificazione. Le riunioni private al di fuori del “nucleo familiare stretto” saranno “vietate”, così come gli assembramenti nei luoghi pubblici.

Un nuovo piano d’azione

A Monaco, si attende ancora una dichiarazione. Il Governo del Principato si è riunito giovedì mattina, in collegamento diretto con il palazzo del Principe, per studiare un nuovo piano di azione. Il Consiglio Nazionale ha inoltre annunciato la sua eccezionale partecipazione alla riunione. Il presidente dell’Unione dei commercianti e degli artigiani di Monaco, la UCAM, in un post su Facebook ha “implorato il Governo e il Palazzo del Principe di non imporre la chiusura dei negozi nel Principato”.

Il Governo del Principato presenterà le sue decisioni nel tardo pomeriggio, intorno alle 18:00.