Lunedì 8 febbraio, presso la sede della Croce Rossa monegasca, il Principe Alberto II, presidente dell’associazione, ha consegnato un assegno di 6.000 € alla Principessa Stéphanie, presidente dell’organizzazione Fight Aids Monaco.

Il 4 dicembre scorso era stata lanciata l’iniziativa “Una luce per Natale”, che consentiva di fare una donazione online, destinata alle persone più bisognose e isolate, per illuminare un albero di Natale virtuale durante il periodo delle feste.

>> LEGGI ANCHE: La lotta contro l’HIV è stato offuscata dal coronavirus?

Grazie a questa iniziativa solidale portata avanti dalla Croce Rossa di Monaco e Fight Aids, in collaborazione con il Comune di Monaco, sono state accese ben 49 luci. Le donazioni sono arrivate perlopiù da Monaco, ma anche dai vicini francesi e italiani, e persino una direttamente da New York.

Fight Aids, un’associazione pronta a combattere su tutti i fronti

Il 1° dicembre scorso, la Principessa Stéphanie dichiarava di essere molto soddisfatta dei volontari di Fight Aids, sempre pronti a “scendere in campo” nonostante la crisi sanitaria. Lo stesso giorno, ci ha anche tenuto a sottolineare i progressi raggiunti nella cura per l’AIDS.

Travel Club Monaco

.

Oltre a lottare senza sosta contro l’HIV, l’organizzazione senza scopo di lucro opera anche nell’ambito della violenza sulle donne. Sempre animata dalla voglia di dare soccorso ai malati, ai perseguitati e ai bisognosi, Fight Aids non si limita di certo a una sola problematica.