Ammirare i delfini a bordo di un veliero d’epoca, contemplare il cielo stellato alla scoperta delle leggende indiane, risolvere enigmi durante una spedizione nel 1901 o calarsi nel ruolo di un esperto di acquariologia: questo mese, scoprite cinque attività divertenti e istruttive da fare con i vostri bambini.

1. Scoprire le costellazioni dalle cime più alte di Monaco

L’associazione Parsec propone serate a cielo aperto all’Astrorama, una struttura nel Forte della Revère situata sopra il villaggio di Èze. “È un luogo non ancora intaccato dall’inquinamento luminoso”, ricorda Sophie Berger, direttrice dell’associazione. Scoprirete il sistema solare, osserverete le stelle e individuerete le costellazioni, “come quella di Ercole, che ricorda un guerriero, o quella dell’Orsa Maggiore attraverso una leggenda indiana”. Tante attività “che accenderanno l’interesse dei più giovani per la scienza e, forse, faranno nascere qualche vocazione!”

Per maggiori informazioni, consultate il sito di Astrorama

I più fortunati potranno avvistare, nella stessa giornata, pesci luna, tartarughe caretta, la stenella striata e anche Flipper, il delfino più comune!

Murielle Oriol, Direttrice dell’associazione SOS Grand Bleu

2. Avvistare i delfini a bordo di un veliero d’epoca

L’associazione SOS Grand Bleu propone ai bambini e alle loro famiglie di salpare a bordo della replica di un veliero del XVI secolo, da Saint-Jean-Cap-Ferrat fino al Santuario Pelagos. “I più fortunati potranno avvistare, nella stessa giornata, pesci luna, tartarughe caretta, la stenella striata e anche Flipper, il delfino più comune”, afferma Marielle Oriol, direttrice dell’associazione. La traversata riserva a volte altre belle sorprese: “tante razze e pesci spada!” Queste uscite in mare sono l’occasione giusta per sensibilizzare i più piccoli sull’inquinamento degli oceani e sulla salvaguardia delle specie: “è molto educativo, perché ne approfittiamo anche per raccogliere qualche rifiuto con l’aiuto di un retino”.

© Associazione SOS Grand Bleu

Per prenotare la vostra escursione: SOS Grand Bleu

Travel Club Monaco

>> LEGGI ANCHE: Plastica negli oceani: il futuro non sembra essere roseo

3. Sopravvivere a una spedizione in mare al largo di Capo Verde

Immaginate di ritrovarvi nel 1901, pronti a esplorare i fondali marini nelle acque di Capo Verde, quando, all’improvviso, una brutta tempesta mette a rischio la spedizione… Al Museo Oceanografico di Monaco vi aspetta un escape game per tutta la famiglia, dai 7 anni in su. Riuscirete a risolvere gli enigmi e a portare le vostre scoperte più belle sulla terraferma?

Escape Game Museo Oceanografico di Monaco Attività famiglia bambini
Museo Oceanografico di Monaco – M Dagnino

Prenotate il vostro escape game al Museo Oceanografico

4. Calarsi nel ruolo di un esperto di acquariologia

Dare da mangiare alle tartarughe, prelevare minuscoli esseri viventi dalle vasche del museo con l’aiuto di un retino e scoprire la ricca biodiversità dei nostri oceani. Dal 28 giugno al 3 settembre, il Museo Oceanografico di Monaco ospiterà “Club Ocean”: i bambini potranno scegliere tra diversi corsi di orientamento per osservare da vicino la fauna e la flora degli ecosistemi marini e anche toccarla con mano. Trascorreranno cinque giorni nei panni di uno scienziato in erba!

Club Oceano Museo Oceanografico Monaco
© Museo Oceanografico di Monaco – M. Dagnino / Corsi di orientamento del Club Oceano.

Per iscrivere i vostri figli al corso di orientamento, compilate il modulo qui.

5. Partire per un safari nel cuore dei Monts d’Azur

Salite a bordo di un calesse e lasciatevi stupire da bisonti europei, cavalli selvatici, daini, alci e dal famoso re della foresta, il cervo nobile. Sollevando lo sguardo, i più fortunati potranno ammirare anche un’aquila reale! Nascosta ai piedi delle imponenti falesie rocciose, la Riserva biologica dei Monts d’Azur permette d’immergersi completamente nella vita selvatica e fare incontri sorprendenti. Nel nord delle Alpi Marittime, la riserva di 700 ettari non recintata ospita un centinaio di specie.

Maggiori informazioni sulla Riserva dei Monts d’Azur