Tra le novità: la fine dell’obbligo di mascherina all’aperto.

Un allentamento atteso da tempo! Da questo sabato 12 febbraio, le restrizioni sanitarie nel Principato saranno notevolmente allentate. Il Consiglio nazionale aveva formulato istanza in tal senso giovedì 10 febbraio; i funzionari si sono incontrati venerdì mattina con il Governo del Principe per fare il punto della situazione.

Sono state prese diverse decisioni:

  • Non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto, se non nei luoghi più affollati, come a Place du Palais, durante il cambio della guardia, nei mercati, o anche all’uscita della stazione e alle fermate degli autobus nelle ore di punta.
  • Non sarà più necessario il pass sanitario per accedere ai parrucchieri, agli istituti di bellezza e ai centri in cui si effettuano tatuaggi.
  • È attualmente in discussione l’allentamento del protocollo per la gestione dei soggetti che entrano in contatto con un positivo nelle scuole. Dovrebbe essere operativo al rientro delle vacanze invernali, quando verrà rinnovata la campagna di screening. Saranno effettuate delle sperimentazioni con purificatori d’aria all’interno degli istituti.
  • Le lezioni di nuoto nelle scuole riprenderanno al rientro dalle vacanze.
  • Il telelavoro resta in vigore per tre giorni a settimana fino al 4 marzo, dove possibile. Sono ancora vietate le pause tra colleghi senza mascherina.
  • La capienza massima di 2.000 persone per gli eventi pubblici sarà abolita, a condizione che si metta in atto un protocollo sanitario adeguato.
  • Il numero dei commensali a tavola nei ristoranti sale nuovamente a dodici anziché otto; la distanza tra i tavoli si riduce a un metro anziché a un metro e mezzo.
  • I sostegni economici sono prorogati fino alla fine di marzo.

La situazione sta migliorando

Una serie di misure che è stato possibile attuare grazie a un netto miglioramento della situazione sanitaria. Ricordiamo che in una settimana il tasso d’incidenza è sceso del 36% a Monaco e del 33% nelle Alpi Marittime.

Questo venerdì mattina, anche la Francia ha annunciato l’alleggerimento del suo protocollo sanitario nelle scuole, con autotest meno frequenti e la sospensione dell’uso della mascherina all’aperto. Dal 28 febbraio, nell’esagono la mascherina non sarà più obbligatoria nei luoghi chiusi in cui è richiesto il pass vaccinale, e chi è stato a contatto con un positivo dovrà effettuare un solo tampone, contro i tre attualmente richiesti.

Tuttavia, il Governo del Principe invita ancora alla prudenza ed è pronto a ricevere le dosi del vaccino Novavax non appena inizierà la distribuzione in Francia, intorno al 21 febbraio.

Il Governo ha inoltre precisato che a seconda dell’evoluzione dei dati, le misure sanitarie potrebbero essere ulteriormente ridotte nel prossimo futuro, in particolare nell’ambiente scolastico.