Ma le tariffe aumentano.

I viaggiatori possono tirare un sospiro di sollievo! I lavori al tunnel di Cimiez degli ultimi otto mesi sono giunti al termine e la circolazione alternata all’altezza di Eze-sur-Mer sarà finalmente sospesa.

Si torna alla normalità quindi sulla linea tra Nizza e Ventimiglia: i treni potranno di nuovo circolare su due binari. Da lunedì 4 aprile, negli orari di punta (ovvero la mattina tra le 6:00 e le 9:00 e la sera tra le 16:00 e le 19:00) partono 4 TER all’ora nei due sensi di marcia. Un sollievo per i viaggiatori, spesso ammassati nei vagoni per andare o tornare dal lavoro.

Questa maggiore frequenza però è accompagnata da un aumento dei prezzi. Come già annunciato da diversi giornali locali, dall’1 aprile i biglietti TER nella regione PACA sono diventati più cari. Il costo dei biglietti singoli è aumentato del 2,82% e quello degli abbonamenti monomodali del 4,57%. Per fare un esempio, il tragitto Nizza-Monaco ora costa 4,20€, contro i 4,10€ precedenti.

LEGGI ANCHE: I 3 obiettivi principali della Nuova Linea Provence Côte d’Azur

La regione ha giustificato la sua decisione chiamando in causa l’aumento del prezzo dell’energia, e ricordando che l’ultimo incremento era avvenuto nel 2018. Questo però non ha fermato l’associazione Les Naufragés du TER Grasse Vintimille dall’esprimere dissenso sui suoi canali social: “La RégionSud e la SNCF PACA fanno l’opposto di ciò che servirebbe per incoraggiare gli abitanti della Costa Azzurra a prendere il TER tutti i giorni. Qualità del servizio in calo, investimenti promessi ma sempre inesistenti. E ora l’aumento delle tariffe!!!” L’aumento interessa ben 40 milioni di passeggeri all’anno.