Sabato sera, i monegaschi hanno concluso l’ultima giornata di Ligue 1 con un pareggio contro l’RC Lens (2-2). Dmitri Rybolovlev ha assistito all’incontro allo stadio Bollaert-Delelis. Come l’anno scorso, l’AS Monaco ha concluso la stagione al terzo posto.

La partita: 2-2

Da un lato ci sono i rimpianti, che affolleranno le menti dei monegaschi nei prossimi giorni, dall’altro la soddisfazione di essere riusciti ancora una volta a conquistare il podio. Dopo nove vittorie consecutive in campionato, una serie simile a quella che l’anno scorso aveva concesso all’ASM di chiudere la stagione sul podio, i ragazzi di Clement potevano ancora scrivere il loro destino sul campo del Lens.

In caso di vittoria, i monegaschi si sarebbero assicurati il secondo posto e una qualifica diretta in Champions League. Con questo pareggio, invece, dopo una partita per lo più dominata dal Lens, i compagni di squadra di Aurélien Tchouaméni si sono aggiudicati il terzo posto, dietro l’Olympique Marsiglia. Ora, l’AS Monaco dovrà superare i playoff e sperare di arrivare alla fase a gironi della C1.

LEGGI ANCHE: ASM-Brest: il regalo dell’AS Monaco ai suoi tifosi

Una delusione, questo è certo, soprattutto dopo l’incredibile serie di nove vittorie consecutive in Ligue 1. Ma è anche una bella soddisfazione se si guarda all’insieme della stagione 2021-2022 un po’ movimentata, con l’abbandono di Niko Kovac e le lunghe settimane trascorse lontane dalle partite europee. Sul campo del Lens, purtroppo, i monegaschi hanno affrontato un incontro complicato.

I rossobianchi, dominati per gran parte dell’incontro, hanno aperto il punteggio grazie a Przemysław Frankowski (1-0, 30′), per poi essere ripresi dagli avversari con la rete di Benoît Badiashile (1-1, 34′) e riprendere il vantaggio con Wissam Ben Yedder (1-2, 62′). I monegaschi, però, hanno subito un duro colpo con il pareggio di Ignatius Ganago alla fine dei tempi supplementari (2-2, 90+6′).

Il giocatore: Wissam Ben Yedder, il fiore all’occhiello della squadra

È lui che ha creduto a lungo di mandare l’AS Monaco direttamente in Champions League la prossima stagione. Dando di nuovo il vantaggio ai suoi compagni nel secondo tempo, con un colpo di testa ben assestato su un assist di Kevi Volland (1-2, 62′), Wissam Ben Yedder ha segnato il suo venticinquesimo gol della stagione (un record), dimostrando ancora una volta la sua importanza per la squadra monegasca quest’anno (vedi sotto).

Una rete che però non è bastata all’AS Monaco, che ha concluso al terzo posto in classifica, ma che conferma che il calciatore francese sarà fondamentale per l’ASM il prossimo anno, soprattutto per raggiungere un obiettivo in particolare: la Champions League.

Il numero: 8

Come i tiri parati da Alexander Nübel in questo incontro, segnato da un Lens dominante. Anche il possesso palla è stato degli avversari (60,3% per il Lens), così come le occasioni (22 dei locali contro 8 del Monaco).

Tifosi in delirio al Louis II

Dopo il pareggio di metà primo tempo, i tifosi monegaschi erano riusciti a riprendere un po’ di voce, ma purtroppo gli ultimi secondi si sono rivelati crudeli, oltre che cruciali. Mentre l’ASM conduceva il gioco (2-1) grazie al gol di Wissam Ben Yedder, assicurandosi un passaggio diretto in Champions League, lo stadio era letteralmente in fiamme.

LEGGI ANCHE: AS Monaco: massimo fermento per l’ultimo incontro della stagione

Negli ultimi venti minuti, i tifosi hanno scandito il nome “Wissam” a gran voce (l’eroe di questa stagione). Ma nell’ultimo minuto dei tempi supplementari tutta la delusione si è fatta sentire. Proprio quando sembrava che la qualificazione fosse certa, il peggio è accaduto: il Lens ha pareggiato mettendo fine alle speranze dei Monegaschi di conquistare un pass diretto per la prossima Champions League.

La frase: “È già una cosa incredibile aver vinto nove degli ultimi dieci incontri”

Philippe Clement: “Ho visto una squadra di vincitori, che ha fatto di tutto per conquistare i tre punti in ogni incontro, come stasera contro il Lens. Abbiamo mostrato impegno e carattere da vendere nei momenti difficili. Ci riprenderemo dopo questa sconfitta. Quando guardi l’insieme del campionato, è già una cosa incredibile aver vinto nove degli ultimi dieci incontri”.

Con Camille Esteve