Pubblicità »
Intervista

Be Safe Monaco: portare a casa in sicurezza i ragazzi ubriachi

be-safe-monaco
Be Safe Monaco - Da sinistra a destra: Andréa Puzar, Margaux Grundstein, Camille Gottlieb, Laura Dias e Charlotte Marsan

L’associazione mette a disposizione per l’estate una navetta elettrica completamente gratuita, per riportare a casa i ragazzi che hanno bevuto.

Questo mese, l’articolo della nostra serie dedicata alle associazioni del Principato e della Costa Azzurra è dedicato a Be Safe, fondata nel 2017.

Pubblicità

Conosciamo tutti lo slogan “se bevi non guidare”. Eppure, secondo i dati pubblicati da compagnie assicurative e autoscuole, in Francia il numero di decessi legati alla guida in stato di ebbrezza è di 1.000 all’anno.

Un dato allarmante che la Sicurezza Stradale francese sta cercando di ridurre, soprattutto grazie al programma “SAM”, che incoraggia i ragazzi a designare automaticamente chi resterà sobrio per guidare al ritorno.

A Monaco, cinque amiche hanno deciso di portare questa lotta ancora oltre creando l’associazione Be Safe. Camille Gottlieb (presidente), Charlotte Marsan (vicepresidente), Margaux Grundstein (tesoriere), Andréa Puzar e Laura Dias (entrambe segretarie generali) hanno fondato l’associazione nel 2017, dopo un tragico evento: “Per colpa della guida in stato di ebbrezza, un nostro amico è morto durante una serata, racconta Laura Dias. “Abbiamo notato una certa frustrazione generale tra le nostre famiglie e i nostri amici, quindi ci siamo dette “dobbiamo fare qualcosa” e abbiamo deciso di creare questa associazione”.

Pubblicità »

Ma se alle cinque ragazze non manca di certo la forza di volontà, devono comunque riuscire a farsi conoscere perché le iniziative possano portare i loro frutti. Per fortuna hanno potuto contare su un sostegno importante: “Abbiamo l’appoggio del Governo del Principe, del Consiglio Nazionale, del comune, di tutti i locali notturni e dei donatori privati”.

Una navetta elettrica per tornare a casa in sicurezza

Oltre al supporto amministrativo e finanziario, Be Safe oggi dispone anche di una navetta elettrica, frutto di una donazione. Una navetta gratuita pensata per riportare a casa quest’estate (a Monaco o nei comuni limitrofi) i ragazzi che hanno bevuto troppo.

Secondo i dati della Sicurezza Stradala francese, un incidente stradale su tre è legato al consumo di alcol. Un motivo in più per essere vigili durante la stagione estiva, che si presta ancor di più alle feste e alle serate nei locali notturni.

“La navetta si trova a Port Hercule, vicino ai locali notturni”, spiega Laura Dias. “Se un ragazzo ne ha bisogno, la navetta sarà lì dalle 23:00 alle 5:00 del mattino. Se ci sono persone in altri locali come il Jimmy’z o il Sass, avranno a disposizione i nostri numeri di telefono diretti e potranno chiamarci. Tutti i nostri recapiti sono sul nostro sito web. (…) Abbiamo anche messo a disposizione dei locali notturni di Monaco degli etilometri. Il nostro obiettivo è che i ragazzi che bevono abbiano l’accortezza di fare il test prima di mettersi al volante”.

Pubblicità »
be-safe-monaco-navetta
© Be Safe Monaco

LEGGI ANCHE:  La lotta del Principato alla guida in stato di ebbrezza

Educazione e sensibilizzazione

Un’accortezza difficile da avere quando si è sotto l’effetto dell’alcol. Ecco perché Be Safe ha anche realizzato una campagna di prevenzione nei locali notturni: “abbiamo organizzato un incontro con i gestori e gli abbiamo spiegato che anche se il consumo di alcol è un bene per i loro affari, non sanno cosa può succedere dopo. (…) Cercheremo anche di realizzare iniziative di prevenzione nelle scuole, il prossimo settembre, per sensibilizzare i giovani sulla guida in stato di ebbrezza”.

L’obiettivo di Be Safe è quindi anche quello di farsi conoscere dai ragazzi e dalle loro famiglie, affinché sappiano ancor prima di uscire dell’esistenza di questa alternativa. E al momento, le fondatrici sono piuttosto ottimiste.

be-safe-monaco-etilometro
© Be Safe Monaco

Perché sebbene la pandemia abbia costretto l’associazione a interrompere l’iniziativa nel 2020 e nel 2021, sembrerebbe che il sistema si sia dimostrato piuttosto valido nell’estate del 2019. Lo conferma Camille Gottlieb, che ha dichiarato a Monaco Info che in quell’anno grazie a Be Safe sono stati riportati a casa sani e salvi 270 ragazzi.

LEGGI ANCHE: Monaco Disease Power: accogliere, supportare e intrattenere i giovani con disabilità

Come possiamo aiutare?

Potete sostenere le iniziative di Be Safe tramite donazioni online o assegno, da inviare al 74 Boulevard d’Italie – Sun Office, 98000 Monaco. Le donazioni permetteranno di far crescere il numero di iniziative di prevenzione, come l’istituzione di navette ed etilometri all’uscita delle discoteche.

Pubblicità »

Potete anche apportare un aiuto pratico diventano volontari dell’associazione, basta inviare una e-mail a bsafe@monaco.mc.