Pubblicità »
Pubblicità »
Sondaggio

Taxi a Monaco: ecco cosa c’è da migliorare secondo voi

taxi monaco
© VisitMonaco

Dopo aver raccolto le opinioni degli utenti, abbiamo intervistato un tassista del Principato per comprendere meglio qual è la realtà sul campo.

Pubblicità

Per andare da un punto A a un punto B, nel Principato trovate taxi disponibili giorno e notte. Apprezzato da alcuni e criticato da altri, il servizio non mette proprio tutti d’accordo e non sono pochi i problemi riscontrati. A cominciare dai tempi di attesa, considerati troppo lunghi da molti dei nostri lettori.

Il tassista che abbiamo intervistato, e che ha preferito rimanere anonimo, ci ricorda che gli ingorghi a Monaco sono inevitabili. “Molti di quelli che chiamano un taxi spesso dimenticano che per raggiungerli, di solito, dobbiamo superare molti imbottigliamenti. Iniziano solitamente verso le 6:30 del mattino e si fermano durante la mattinata. Alle 16:30 ricominciano fino alle 19:00. I tempi di arrivo e della corsa solo sul territorio monegasco possono essere molto lunghi, ma al di fuori di questi orari i taxi arrivano per lo più velocemente”.

Un’app per prenotare?

Una buona idea, secondo gli utenti come Jeannine, sarebbe quella di poter prenotare la corsa in anticipo: “Quello che mi infastidisce è non poter prenotare in anticipo. Così avrei evitato di perdere due visite mediche al CHPG a causa del ritardo del taxi dovuto ai lavori”.

Anche quest’altro lettore ne sarebbe entusiasta: “I miei genitori, di 84 e 86 anni, vogliono prendere il taxi, ma è indispensabile che possano prenotarlo in anticipo. A mezzogiorno per andare al ristorante, alle 15 per andare in ospedale, per esempio. Ma no, bisogna chiamare poco prima, e o arrivano subito e sgridano i miei genitori perché non hanno avuto il tempo di scendere, o i miei genitori restano fuori per 20 minuti preoccupati di arrivare in ritardo. Dobbiamo assolutamente migliorare il servizio in modo che le persone, soprattutto quelle di una certa età, possano farci affidamento”.

Per ovviare a questo problema, l’idea di un’app sta prendendo piede. “Sarebbe bello se ci fosse un’app per prenotare i taxi. I clienti sarebbero in contatto diretto con gli autisti e sentirebbero di avere maggiore controllo”, come avviene ad esempio in Francia con le auto tipo Uber, vietate a Monaco.

Per quanto riguarda le prenotazioni, “oggi sono disponibili per le corse che arrivano da Nizza, da un lato, e da Ventimiglia, dall’altro”, ricorda il tassista. “Abbiamo chiesto di poter effettuare prenotazioni per viaggi intraurbani, ma questo comporterà sicuramente un costo aggiuntivo. Infatti, per arrivare in orario dopo una prenotazione, è necessario recarsi sul posto in anticipo e organizzare le corse in base a quell’appuntamento, cosa non semplice quando la domanda è alta. Una prenotazione richiede circa il doppio del tempo di una normale corsa nel Principato”.

L’inflazione colpisce anche i taxi

Un eventuale aumento potrebbe però scoraggiare alcuni clienti, come Cécile, per esempio, che trova il servizio già costoso: “Ho preso un taxi una volta in cinque anni a Monaco e ho pagato una tariffa astronomica rispetto a quanto si applica altrove (Londra e Parigi)”.

A prescindere dalla possibilità di prenotare o meno, è probabile che il prezzo della corsa aumenti a breve. “È rimasto invariato dal 2016”, dichiara il tassista. “Ma da allora i costi operativi sono aumentati del 30%”, in particolare a causa dell’impennata del prezzo della benzina, ma non solo.

“I premi assicurativi sono aumentati del 16% tra il 2010 e il 2020, la cassa malattia per i lavoratori autonomi (CAMTI) ha aumentato i contributi del 26% in cinque anni e il prezzo dei pezzi di ricambio è salito del 14,7% dal 2016. Per questo motivo, otto mesi fa l’Associazione dei tassisti indipendenti di Monaco ha chiesto un aumento delle tariffe, e stiamo ancora aspettando una mossa da parte del Governo del Principe”, afferma l’autista.

Un servizio da migliorare

Da un lato c’è chi, come Sara, elogia le buone maniere degli autisti: “Sono tutti molto bravi, simpatici e professionali. Il problema è soprattutto il traffico e gli ingorghi in questo piccolo territorio” o come quest’altro lettore: “la maggior parte degli autisti sono gentili e pronti ad aiutarti se hai borse pesanti”, dall’altro per molti i tassisti sono sulla strada sbagliata.

“Non sono sempre cordiali”, si legge nei commenti degli utenti del nostro sondaggio. Christiane, per esempio, si rammarica della mancanza di considerazione per i clienti: “Ho un bastone e nessuno viene ad aprirmi la portiera, ma il servizio c’è e sono contenta che ci sia”.

A questa critica l’autista del Principato risponde: “Chi non ha una brutta giornata al lavoro? Credo sia giusto perdonarli quando sono un po’ meno sorridenti del solito, il traffico e l’accumulo di ore di lavoro possono a volte portare via il sorriso. Tuttavia, posso assicurarvi che i tassisti si preoccupano tutti dell’assistenza ai clienti”.

Trovate il tariffario dei taxi a questo link.