Profilo

Chef Alex: la crème de la crème della pasticceria Riviera

Riviera-45
Come ha fatto per dieci anni nella sua terra natale, la Russia, lo chef Alex partecipa oggi a un programma di cucina trasmesso ogni sabato su TV Monaco, l'ultimo canale del panorama audiovisivo monegasco - © Pâtisserie Riviera

Il locale su Boulevard des Moulins, aperto nel 1955, è un’istituzione del Principato.

Pubblicità

Nel retrobottega ci si dà da fare. Il periodo delle feste è un momento cruciale per il personale. Lo chef Alex, che gestisce la pasticceria insieme a Nikolai Zhur, è già in piedi dalle 4 del mattino. Ci accoglie nel piccolo ufficio allestito tra le cucine e l’area di vendita, in mezzo alle confezioni natalizie.

Nato a Mosca, Alexander Seleznev ha studiato pasticceria in Russia. All’età di 10 anni aveva già capito che avrebbe fatto di questa passione un mestiere. “Da bambino amavo preparare e cuocere la pasta, fare la pasta frolla, i cioccolatini e i pasticcini… Ma in Russia non c’è molta scelta, così mi sono subito interessato ai dolci di tutto il mondo”.

A 17 anni, quindi, il giovane Alexander si è iscritto in una scuola specializzata nel settore alberghiero e nella ristorazione a Mosca, per poi passare all’Hôtel Métropole della stessa città per la sua prima esperienza professionale. “Ho avuto modo di confrontarmi con chef di tutto il mondo che mi hanno trasmesso la loro esperienza nelle specialità dei loro Paesi”, ricorda. Tiramisù italiano, éclair francese, cheesecake americana… per lo chef Alex tutte le ciambelle riescono col buco!

Per fare carriera, Alexander sapeva di dover dare il massimo e partecipare alle competizioni culinarie. Nel 2000 ha vinto il titolo di “Miglior pasticcere di Mosca” e, ciliegina sulla torta, quello di “Miglior pasticcere della Russia” nel 2001, oltre a numerosi altri riconoscimenti.

Il pasticcere, allora trentenne, apre il suo primo locale a Mosca con il collega Nikolai, partecipa a un programma di cucina trasmesso in Russia e inizia a scrivere libri. “Avevo studiato molto e fatto molti esami, volevo condividere tutto quello che avevo imparato. Così ho iniziato da solo, ma poi mi ha contattato un editore. Ho scritto 50 libri di ricette e ho venduto un totale di 1 milione di copie”, sorride Alexander, che ha anche aperto una scuola professionale a Mosca per due anni.

Un amore a prima vista

Ma il suo obiettivo è la Costa Azzurra. Nel cuore di Monte Carlo si è liberata una pasticceria. I precedenti proprietari hanno lasciato l’attività di famiglia per andare in pensione. Una vera fortuna per i terzi proprietari, che si sono innamorati del locale.

“Mi è piaciuto tutto. Le cucine, la sala, la terrazza. Mi sono detto: ‘questo è il mio sogno'”. Ma il pasticcere russo ha dovuto conquistare il palato dei monegaschi e adattarsi alle loro tradizioni. “In Russia non festeggiamo la Pasqua, per esempio, e non abbiamo tronchetti o macaron. Così ho studiato i gusti del posto, prima di aggiungere prodotti più insoliti alle vetrine”. Vi state chiedendo qual è il dolce preferito del pasticcere? La Tarte Tatin, senza alcun dubbio.

L’universo progettato da Caterina Reviglio Sonnino è fiabesco e infantile, soprattutto durante le feste – © Monaco Tribune

Da allora, il cinquantenne ha ideato anche dolci senza zucchero, senza glutine, senza uova e senza lattosio, ma la sua specialità rimane quella delle torte personalizzate dove può dare sfogo alla creatività. Una delle più emblematiche è quella realizzata per il matrimonio di Louis e Marie Ducruet nel luglio 2019. Una splendida torta nuziale a sette piani con una cascata di oltre 200 fiori in pasta di zucchero e le iniziali degli sposi.

Lungi da lui gettare ombre sui suoi colleghi, ma Alexander non dà spettacolo su Instagram. È comunque presente sul social network ma con un intento un po’ diverso: “Quello che mi piace è aiutare la mia community a scoprire i luoghi più belli della Costa Azzurra”.

Invece di diminuire, la meraviglia dello chef per la regione non fa che aumentare. “Appena vado a fare una passeggiata, tiro fuori il telefono e gioco a fare la guida turistica. Vorrei vivere qui per tutta la vita. Monaco mi piace soprattutto per il clima e per la sicurezza. Si può uscire vestiti bene ed è un Paese che incoraggia gli affari”, racconta lo chef. Una buona notizia per i monegaschi e i residenti più golosi.


Per le festività…

La pasticceria Riviera è presente in uno degli chalet allestiti a pochi passi dalla Place du Casino, in Avenue d’Ostende. Fino al 15 gennaio, potrete assaggiare le delizie dello chef e del suo staff. Marrons glacés, pan di zenzero, cioccolatini, tartufi: c’è solo l’imbarazzo della scelta per voi e i vostri cari, compresi i cesti regalo da mettere sotto l’albero di Natale.