In quarantena nel suo appartamento a Monaco, il pilota di Antibes ha parlato a lungo con Monaco Tribune. Il futuro dell’automobilismo, la sua scoperta della classe regina del Campionato del mondo dell’Endurance, il suo ruolo di terzo pilota per Venturi in Formula E e le sue ambizioni, Norman Nato (27 anni) ha trovato il tempo per raccontarsi.

Fine marzo, Florida, Norman Nato avrebbe iniziato la 12 ore di Sebring. Ma la crisi sanitaria legata al Covid-19 ha avuto la meglio sulla leggendaria corsa americana. Da quando è a casa, nel suo appartamento a Monaco, il pilota di Antibes tiene d’occhio le notizie di attualità, con la speranza di risalire il prima possibile in macchina. Pilota ufficiale del team svizzero Rebellion Race questa stagione accanto al brasiliano Bruno Senna e all’americano Gustavo Menezes, l’ex pilota della Formula 2 sta scoprendo la classe regina nelle gare dell’Endurance, accanto al suo ruolo di terzo pilota in Formula E con il team Venturi con sede a Monaco. Una carriera ricca, piena di promesse per colui che ha effettuato i suoi primi giri di pista nella regione di Grasse, sul circuito della Sarrée. Mentre il Principato si accinge alla fine della quarantena, Norman Nato si è preso del tempo per parlare della sua stagione. Estratti

Norman, le sensazioni al volante non le mancano molto?

In qualità di pilota, è sicuramente una situazione inedita. Ad eccezione del periodo invernale durante il quale non tocchiamo il volante per circa due mesi, non abbiamo mai delle interruzioni così lunghe. Sono già tre mesi, e per quando ricomincerà saranno minimo 5 mesi. Da quando ho iniziato con i go-kart all’età di nove anni, questo non mi era mai successo. Penso che sarà strano salire di nuovo in macchina.

Molti piloti riempiono questo vuoto con simulazioni virtuali. È anche il suo caso?

(Sorride) Assolutamente. Anche se all’inizio non ero ben attrezzato. È piuttosto recente. Avevo solo un volante base per giocare con gli amici, ma non si poteva definire una vera e propria simulazione. Ma alla luce degli eventi e della durata di interruzione, avere un simulatore a casa, è qualcosa di unico che ti permette di rimanere nella vasca da bagno e di non perdere la sensazione. È un buon esercizio, soprattutto per la mente. Noto la differenza rispetto al primo giorno in cui ho giocato, in cui faticavo a rimanere concentrato. Ero molto stanco alla fine. Ma nel giro di una settimana, ho preso il ritmo, il mio cervello si è abituato. È davvero un piacere giocare con piloti sparpagliati un po’ ovunque nel mondo. Tutto ciò non sostituisce la realtà, è certo, in particolare per quanto riguarda la parte fisica, ma ciò permette di mantenere i buoni riflessi

Cosa fa per mantenersi in forma?

La situazione è piuttosto limitata, anche se ho la fortuna di avere un grande balcone nel mio appartamento. Questo mi permette di allenarmi con i pesi. Salto la corda per il cardio. Cerco di andare a correre tutti i giorni nelle ore in cui c’è meno gente possibile. Cerco di allenarmi come posso, facendo particolare attenzione all’alimentazione, poiché quando la stagione ricomincerà, sarà dura. Le prime corse sono sempre un po’ difficili fisicamente.

Norman Nato (Rebellion)

Norman Nato (Rebellion)

Il futuro della stagione sembra ormai compromesso. Conserva qualche speranza?

La Formula 1 ha annunciato il ritorno a luglio, ma è sempre la F1. Per quanto riguarda l’Endurance o la Formula E, si spera in una ripresa ad agosto, ma non abbiamo alcuna garanzia. La stessa cosa vale per le prove. I team non vogliono farsi avanti, poiché attualmente, è impossibile prevedere come si evolverà la situazione. Penso di non poter risalire in un’auto fino a luglio. Spero che per quella data, potrei almeno avere l’opportunità di correre in Kart, al circuito Sarrée o Brignoles, ovvero le due piste sulle quali sono solito allenarmi.

La sua prima gara ufficiale potrebbe essere il 24 Ore le Mans…

Possibile. Settembre è ancora lontano, ma vedendo la situazione attuale, non siamo ancora sicuri che la gara avrà luogo. Sul calendario WEC (Campionato del mondo dell’Endurance), abbiamo una gara normalmente prevista a fine agosto, la 6 Ore di Spa-Francorchamps (Belgio), ma attualmente non è stato confermato ancora nulla.

Quest’anno è la sua prima esperienza al volante di una LMP1, la classe regina dell’Endurance, con il team svizzero Rebellion Racing. Come sta andando questo primo anno da apprendista dopo una stagione in LMP2?

Da quando ho abbandonato l’obiettivo della Formula 1 (Norman Nato ha corso in Formula 2, alle porte della F1) l’Endurance rappresenta sicuramente la mia ambizione. Ho dovuto ricominciare da zero, il fatto di condividere la mia macchina con i compagni di squadra, di non essere al centro ma di lato, in una cabina di pilotaggio chiusa, sono diverse cose che ho dovuto apprendere all’inizio. C’è anche la questione del traffico, della gestione di freni, ruote, carburante, davvero molte cose da imparare e padroneggiare. La scalata è stata rapida per me, grazie soprattutto alla monoposto che mi ha aiutato ad imparare in fretta. Ho fatto un anno nella LMP2, poi successivamente mi sono iscritto alla LMP1. Oggi va tutto bene. Non mi sono posto degli obiettivi di risultato per il mio primo anno in LMP1. Prima di tutto devo acquisire esperienza contro piloti che a volte hanno vent’anni di esperienza nella disciplina. Sono tuttavia soddisfatto della prima stagione. Abbiamo vinto due gare e conquistato tre pole position. Spero di poter terminare il campionato con la 6 Ore di Spa-Francorchamps e la 24 Ore Le Mans.

Norman Nato

Norman Nato (Rebellion)

L’obiettivo che si è prefissato per il futuro è quello di stabilirsi a lungo termine nell’Endurance, al volante di un team di punta?

Il mio futuro è sicuramente l’Endurance. Con le nuove normative (nuove hypercar con nuove tecnologie arriveranno nelle gare Endurance) spero che nuovi produttori arrivino nella disciplina entro uno e due anni. Il mio obiettivo è quello di essere un pilota professionista con un produttore il più a lungo possibile. Lo stesso vale anche per la Formula E, in cui dallo scorso anno ricopro il ruolo di terzo pilota nel team Venturi. Ovviamente, l’obiettivo non è quello di rimanere terzo pilota, ma di ottenere un posto da titolare. Spero di cogliere presto un’opportunità

Come vede il futuro dell’automobilismo? La situazione attuale potrebbe avere conseguenze negative sulla disciplina…

Sinceramente, preferirei non esagerare ma non ho davvero alcuna idea. Quello che è sicuro, è che le nuove tecnologie sono il futuro dell’automobilismo. Non a caso così tanti produttori prestigiosi sono coinvolti nella Formula E. C’è anche l’idrogeno in arrivo. Sono un pilota sviluppatore di questa macchina.  Arriverà un po’ più tardi, ma si tratta di una tecnologia complementare alla Formula E. A mio avviso, è il passo successivo. Quando? Non lo so. Spero che il tutto riparta normalmente, nelle nostre vite personali e professionali. Poter vivere della mia passione è una grande opportunità. Ne sono pienamente consapevole.

[instagram-feed]