Rappresentante del Principato di Monaco nella Coppa Davis, Hugo Nys (29 anni) si afferma come uno dei leader della Federazione Monegasca di Tennis, accanto a Lucas Catarina e Romain Arneodo, con il quale forma una temibile doppietta. Tra i migliori giocatori del pianeta nella disciplina (ATP n°68/doppio), il nativo di Evian-Les-Bains sogna di vincere un giorno il Grande Slam, facendo risplendere il Principato sulla scena internazionale. Ritratto di un elegante destrorso con un delizioso rovescio a una mano.

Dalle rive del Lago di Ginevra alla costa soleggiata del Principato, a volte è a pochi passi di distanza. “Sono arrivato al sud circa 10 anni fa” ricorda Hugo Nys, che è sempre un po’ nostalgico quando si tratta della sua regione natale. “Mi piace molto tornare a casa mia, fare escursioni a piedi o in barca sul lago con mio padre” sorride. “Ma a Monaco, mi sento anche a casa. Siamo una piccola famiglia. Mi sento a tutti gli effetti monegasco e sono fiero di rappresentare il Principato all’estero”. Da quasi sette anni, Hugo Nys gioca sui campi di tutto il mondo portando in alto i colori del Principato. Un matrimonio di convenienza, un’alleanza di passione, frutto di un incontro sconvolgente e di una rinata ambizione. “La Federazione Monegasca di Tennis era determinata a risplendere di nuovo nella Coppa Davis dopo il ritiro di Jean-René Lisnard” spiega il nativo di Evian, grande fan di A.S. Monaco Basket. “Questo progetto molto ambizioso e questa sfida entusiasmante mi hanno fatto subito venire voglia di candidarmi. Rappresentare Monaco, gareggiare nella Coppa Davis davanti al Principe, è semplicemente incredibile”.

Romain Arneodo (a sinistra) e Hugo Nys (a destra)

Tre anni dopo il suo arrivo nel sud della Francia, prima all’ISP Academy (oggi riconosciuta a livello mondiale con il nome Mouratoglou Tennis Academy), il destrorso dal rovescio a una mano mette le sue radici sul campo del Monte-Carlo Country Club, con un obiettivo in mente: ridare lustro allo stemma del Principato nella più prestigiosa delle competizioni. “Dalla riforma della Coppa Davis, siamo stati relegati nel Gruppo III. Ma le nostre ambizioni non sono cambiate. Non appena riprenderà la competizione, punteremo alla promozione nel Gruppo II, puntando alla scalata nel Gruppo I nei prossimi anni”. Un progetto folle, che potrebbe permettere a Monaco di sfidare le più grandi nazioni del mondo e in particolare la Francia, contro la quale Hugo Nys potrebbe incrociare di nuovo la strada di un certo Pierre-Hugues Herbert, compagno di sventura di tutta la sua gioventù. “Apparteniamo alla stessa generazione. Abbiamo giocato gli stessi tornei quando eravamo giovani. Oggi, Pierre-Hugues fa parte dei migliori giocatori di doppio al mondo”.

Hugo Nys o la doppia vita

Un abito che Hugo Nys potrebbe vedersi indossare nei prossimi anni. “Ho deciso quasi tre anni fa di dedicarmi quasi esclusivamente al doppio, per guadagnarmi da vivere e gareggiare nei più importanti tornei del mondo. Il mio gioco è sempre stato più adatto al doppio. Sogno di far parte dei migliori giocatori del mondo e di vincere un giorno il Grande Slam”. Nel mezzo della sua ascesa dalla sua favolosa epica corsa alla semifinale del Rolex Monte-Carlo Master 2017 accanto al suo compagno di squadra in Coppa Davis Romain Arneodo, colui che a inizio anno ha fatto squadra con l’argentino Andrés Molteni all’Open d’Australia, spera di continuare la sua irresistibile ascesa quando ripartirà la gara. “A breve termine, spero di entrare a far parte della Top 50”. Un’ambizione misurata, ben alla sua portata per il suo allenatore, Guillaume Couillard. “Hugo ha ancora un grande margine di miglioramento” ha affermato l’allenatore della Monaco Davis Cup. “In un torneo, tutto è possibile. Quando raggiunge le semifinali del Rolex Monte-Carlo Master con Romain Arneodo, ci sono le migliori coppie di doppio. Penso che abbia il livello per raggiungere un giorno la Top 10 cercando di vincere grandi titoli nel doppio”.

Nella famiglia Nys, intervistiamo il nipote, Hugo

Una giusta ricompensa per questo appassionato della pallina da tennis, che si è immerso nel tennis grazie ad un padre allenatore e un nonno che è stato uno dei migliori giocatori francesi nel 1950. “Ho trascorso la mia infanzia giocando a tennis. È una passione che ho sin da piccolo. Nessuno mi ha mai obbligato” racconta l’ardente difensore del doppio, disciplina troppo spesso all’ombra del singolo e recentemente screditata dall’ex vincitrice di Wimbledon, Marion Bartoli. Quest’ultima ha dichiarato che i giocatori del doppio ricevono tanti soldi. “Il doppio è visto come una sottocategoria” ha affermato. “Si sente spesso che i giocatori del doppio hanno meno talento. Ma, questa disciplina è un vero e proprio laboratorio per i giocatori del singolo, che possono migliorarsi a rete, a servizio e in risposta. La nostra copertura mediatica è molto scarsa. Nicolas Mahut ha avuto un’idea interessante, che consiste nel giocare la finale di doppio il sabato tra due semifinali di singolo, anziché giocare la finale lo stesso giorno del singolo, spesso dinanzi a tribune poco affollate”. Poco presente nel singolo al di fuori della Coppa Davis (ha raggiunto la sua più alta classifica nel singolo nel 2019 con un 327°posto all’ATP), Hugo Nys è ora uno di quei giocatori impegnati nel doppio e cerca il riconoscimento per questa spettacolare disciplina. “Oltre ad essere veloce e vivace, Hugo ha ottimi riflessi” ha affermato Guillaume Couillard. “Ama ridurre lo scambio e chiudere il punto con una volée”. La ricetta magica di un eccellente giocatore di doppio per scrivere la sua storia d’amore e quella di Monaco, più che mai determinato ad accarezzare le vette della leggendaria Coppa Davis.