Nonostante aver dominato il gioco ed essere rimasti in campo con 10 giocatori per oltre 70 minuti, l’AS Monaco si è dovuta accontentare di un pareggio 1-1 contro il Montpellier. Il Principe Alberto II e il presidente della squadra, Dmitry Rybolovlev, hanno assistito a questa settimana giornata di Ligue 1.

È stata dura rompere la difesa della squadra ospite, che ha avuto la meglio grazie al goal di Mavididi. La squadra di Niko Kovac è riuscita comunque a pareggiare i conti, con la rete di Wissam Ben Yedder su un rigore conquistato da Gelson Martins.

Nonostante il risultato, è stato il Monaco ad avere il controllo della partita con più tiri (21-3) e un maggiore possesso della palla (80%), lasciando l’allenatore chiaramente deluso del risultato. Kovac ha comunque mostrato la sua classe congratulandosi con il Montpellier per l’impegno: “Il Montpellier era molto ben organizzato, è una squadra con un’ottima difesa, una delle più forti del campionato sulla difesa a cinque”, ha spiegato.

“Abbiamo dominato la partita, abbiamo avuto il possesso della palla e delle ottime occasioni. Sfortunatamente siamo scesi di due punti. Ho detto ai giocatori che dobbiamo giocare tutti insieme e quindi dobbiamo prenderci tutti la responsabilità del risultato”.

Nonostante Kovac abbia persino schierato cinque attaccanti nelle ultime fasi di gioco, i monegaschi non sono riusciti ad aggiudicarsi la vittoria. La prossima partita si giocherà contro l’Olympique Lione: bisognerà darsi da fare per segnare più goal possibili e assicurarsi i tre punti della vittoria.