Una nuova serie di studi di Barclays Private Bank, sulla trasmissione del patrimonio intergenerazionale, evidenzia che le nuove generazione stanno sensibilizzando i loro genitori e nonni facoltosi a fare investimenti sostenibili.

Tra i rappresentanti più abbienti della vecchia generazione, sette persone su dieci affermano che i Millennials cercano di orientare i loro familiari verso investimenti più sostenibili. Questa tendenza ha portato a una ridefinizione dell’orientamento della famiglia nei confronti dei beni sostenibili e costituisce ormai un punto di incontro tra le diverse generazioni nell’ambito della pianificazione finanziaria.

Lo studio è stato condotto da Savanta, per conto di Barclays Private Bank, nel secondo trimestre del 2020. In totale, 402 famiglie facoltose sono state intervistate in Europa, Asia e Arabia Saudita.

>> LEGGI ANCHE: I Millennials sono pronti per gestire le imprese di famiglia? Forse no

Travel Club Monaco

Un punto d’incontro sostenibile?

Il 61% dei partecipanti ha indicato che le divergenze intergenerazionali riguardo alla propensione al rischio incidono sull’orientamento comune adottato al momento di fare un investimento. A questo, si aggiungono dei sistemi di valori diversi (57%), l’influenza dei social network (47%) e i molteplici livelli di istruzione (40%).

Fattori che portano il 50% dei Millenials ad avere la sensazione che i loro obiettivi finanziari non siano compresi dal resto della famiglia. Peraltro, quattro persone su cinque attribuiscono una particolare importanza all’investimento responsabile, di queste l’81% ha meno di 40 anni, il 77% tra 41 e 60 anni e l’86% è over 60.

>> LEGGI ANCHE: Covid-19: il modo di investire dei miliardari è cambiato?