Dopo un contatto con Sergio Perez (Racing Point) che gli è costato l’abbandono del Gran Premio di Sakhir subito dopo la partenza, Charles Leclerc (Ferrari) si è dovuto ritirare prima del tempo. Il pilota monegasco non ha nascosto la sua frustrazione.

Dopo un giro di qualificazioni eccellente che gli aveva consentito di posizionarsi quarto sulla griglia di partenza, Charles Leclerc ha dovuto abbandonare la corsa all’improvviso per colpa di una partenza movimentata. Nel tentativo di superare Sergio Perez (Racing Point), il monegasco entra in collisione con la monoposto del messicano. Un errore che pagherà caro anche Max Verstappen (Red Bull), che coinvolto nell’incidente finisce a muro a fianco alla Ferrari.

Se dobbiamo trovare un responsabile per questa collisione, sono sicuramente io

“Ho guardato velocemente le immagini. Se dobbiamo trovare un responsabile per questa collisione, sono sicuramente io” ha riconosciuto il pilota ai microfoni di Canal+. “Detto questo, onestamente non credo di aver fatto un grave errore. Ero accanto a Max (Verstappen), ho cercato di frenare dopo di lui, ma Checo (Sergio Perez) non ha superato Valtteri (Bottas) dall’interno e si è girato. In quel momento per me era già troppo tardi”. Vittima collaterale di questo incidente, Max Verstappen non nasconde il suo sgomento: “Non capisco la necessità di essere così aggressivi, come se fossimo stati all’ultimo giro della gara…”

Il prossimo e ultimo incontro per il monegasco sarà la settimana prossima ad Abu Dhabi per la gara finale della stagione.