L’IMSEE ha pubblicato il suo rapporto economico del secondo trimestre del 2021, che evidenzia i risultati dei primi sei mesi dell’anno.

“Siamo sulla buona strada. La tendenza è in ascesa con una ripresa in certi settori che stanno ritrovando il loro livello pre-emergenza”. Nonostante Sophie Vincent si è mostrata prudente alle telecamere di Monaco Info, la direttrice dell’Istituto monegasco di statistica e studi economici ci ha tenuto comunque a sottolineare i risultati incoraggianti mostrati da questo secondo report economico trimestrale.

Rispetto al 2020, un anno segnato da sei settimane di lockdown che hanno avuto un forte impatto sull’attività economica monegasca, la tendenza è in salita, come dimostra anche il fatturato delle aziende del Principato. “Ha raggiunto i 7,15 miliardi di euro a fine giugno. È un indicatore molto positivo”, ha sottolineato Sophie Vincent, che ha citato anche il commercio al dettaglio: “è decisamente in ascesa nell’abbigliamento, nella gioielleria o ancora nella vendita di automobili”.

Il settore alberghiero, quello della ristorazione e quello degli eventi restano colpiti

I settori come quello alberghiero, della ristorazione e degli eventi continuano a essere chiaramente i più colpiti rispetto al 2019, nonostante gli indicatori di ripresa. Alcuni di questi, tuttavia, promettono bene, come il mercato della rivendita, che è in forte progresso, o l’affluenza nei parcheggi pubblici, anch’essa in aumento.

Anche se ancora lontano dai numeri del 2019, il mercato del lavoro è in netto aumento, con il numero di ore di lavoro incrementato di 5 milioni rispetto ai primi sei mesi del 2020. Una tendenza in ascesa, quindi, destinata chiaramente a intensificarsi nei prossimi mesi.