Pubblicità »
Profilo

Sir Stelios Haji-Ioannou: una storia monegasca tra imprenditoria e filantropia

sir stelios foundation
Sir Stelios Haji-Ioannou © Stelios Philanthropic Foundation

Avrà anche lasciato il timone della compagnia aerea, ma il fondatore di easyJet continua a gestire dal Principato un impero tentacolare e a difendere il suo marchio nato da un’idea di marketing geniale.

Molto impegnato a Monaco, Sir Stelios Haji-Ioannou dedica gran parte del suo tempo alle iniziative di beneficenza della sua Fondazione, alla quale, alla sua morte, ha promesso di donare gran parte del suo patrimonio.

Pubblicità
Sir Stelios Foundation
Sir Stelios Haji-Ioannou – Foto DR

È una mattina del marzo 2023 e al Port Hercule di Monaco si avverte un insolito senso di irrequietezza. Un pennacchio di fumo si alza sull’acqua. Gli spettatori si affollano incuriositi e alcuni tirano fuori i telefoni per filmare la scena.

Diverse autopompe si precipitano sulla banchina a sirene spiegate. I pompieri salgono in fretta su uno yacht di cinquanta metri ormeggiato nel porto monegasco. Diverse “vittime” dell’incendio vengono evacuate.

Pubblicità »

La tensione si attenua. L’esercitazione antincendio volge al termine. Un allenamento di routine per i vigili del fuoco monegaschi, che forse da questa giornata conserveranno un ricordo diverso dal solito: quello di essere saliti a bordo del Fly me to the moon, lo yacht di lusso prestato per l’occasione da un residente monegasco fuori dal comune: Sir Stelios Haji-Ioannou.

I vigili del fuoco di Monaco si mobilitano per domare l'incendio a bordo dello yacht di Sir Stelios © Monaco Info via Facebook
I vigili del fuoco di Monaco si mobilitano per domare l’incendio a bordo dello yacht di Sir Stelios © Monaco Info via Facebook

Se c’è una cosa che non manca nel porto di Monaco sono proprio gli yacht, e il fatto che quello di Sir Stelios Haji-Ioannou sia stato scelto dai vigili del fuoco di Monaco per perfezionare il loro addestramento la dice lunga sul posto che l’imprenditore di origine cipriota occupa nel Principato. Un posto molto speciale, a metà strada tra un successo imprenditoriale incredibile e la filantropia a tutto tondo.

Riuscire a ottenere il massimo per dare tanto alla società: questo potrebbe essere a buon ragione il motto di Sir Stelios. Dalle coste di Cipro alle cene di beneficenza di Monaco, passando per le piste degli aeroporti di tutta Europa, ripercorriamo il percorso di un residente monegasco che ha fatto del Principato un vero e proprio “hub” da cui diffondere il suo successo e la sua generosità oltre i confini nazionali.

easyGroup, 30 anni di successo di “brand value”

È impossibile parlare di Sir Stelios Haji-Ioannou senza citare easyJet. Alla fine degli anni ’90, l’imprenditore ha lanciato una delle prime compagnie aeree low-cost, rivoluzionando definitivamente il settore del trasporto aereo. Ma è altrettanto impossibile limitare il successo dell’imprenditore solo a questo evento. Dal 2010, infatti, Stelios Haji-Ioannou si è gradualmente ritirato dalla gestione di easyJet, pur rimanendo uno dei principali azionisti dell’azienda con una quota del 15%.

Pubblicità »

Tra il Covid-19, la Brexit e qualche disaccordo interno, l’azienda ha recentemente attraversato qualche turbolenza che ha avuto ripercussioni sulla massa salariale e sulla quotazione in borsa. Inoltre, dopo un lungo braccio di ferro con la dirigenza, nel 2022 Stelios Haji-Ioannou ha finalmente dato il suo appoggio per l’acquisto di quasi sessanta nuovi Airbus.

easyjet-10-ans-aeroport-nice-cote-d'azur
easyJet ha festeggiato il suo 10° anniversario all’aeroporto di Nizza nel 2022 – © easyJet

Per il residente monegasco, la questione non sembra più essere fondamentale. Nonostante easyJet sia, e rimarrà, la “sua” creatura, è la “famiglia easy” ora a essere al centro delle attenzioni dell’imprenditore.

Un vero e proprio impero, fondato trent’anni fa attorno al marchio easy, che oggi conta più di mille marchi registrati: easyJet, naturalmente, ma anche easyHotel, easyCar, easyMoney, easyStorage, easyBus, easyFly, easyHub, easyProperty, easyCoffee, easyGym, easyFerry, easyStorage, easyTech, easyKiosk, easyInsure, easyCinema, easyCruise, easyRentacar, easyInternetcafe, easyContainer, easyTruck, easyFood, easyMusic, easyTelecom, easyTravel, easyMobile, easyJobs, easyGaming, easyWatch, easyTaxi, easyVan, easyAir, easyFootball, easyTrain, easyCurrency, easyCoach, easyEnergy, easyDogwalker, easyParking, easyArt, easyMortgage e molti altri.

Tanto semplice quanto efficace, il business model di easyGroup si basa sulle entrate derivanti dalla concessione in licenza del marchio easy a un’ampia selezione di aziende. Ad esempio, easyGroup percepisce lo 0,25% del prezzo di ogni biglietto aereo acquistato su easyJet.com.

Questo modello di brand value si è quasi sempre rivelato un successo per il nostro “imprenditore seriale”, che all’inizio dell’anno ha festeggiato il 30° anniversario di easyGroup e ora è alle prese con l’organizzazione dell’incontro annuale della “easy Family” a Monaco.

Pubblicità »

“La migliore idea che abbia mai avuto è stata quella di lanciare una compagnia aerea low-cost“, ammette senza esitazioni Sir Stelios: “la seconda migliore idea è stata quella di conservare il nome ‘easy’ per la mia azienda privata, così ho potuto estendere il marchio e mantenere la proprietà del nome“.

Un nome che, unito alla più che celebre identità visiva bianca e arancione, oggi vale una piccola fortuna. E, non a caso, suscita l’invidia di molti.

I membri della famiglia easyGroup riuniti a Monaco nel 2024 © easyGroup

easy, un marchio difeso a spada tratta

Strategia di marketing assolutamente geniale, il marchio easy è spesso oggetto di ricorrenti battaglie legali, con Sir Stelios Haji-Ioannou determinato a far rispettare la sua proprietà intellettuale e, naturalmente, la sua principale fonte di reddito per la famiglia e le associazioni di beneficenza.

Nella sua crociata contro coloro che lui stesso definisce “ladri di marchi”, l’uomo d’affari non esita a intraprendere azioni legali contro chi “crea confusione” appropriandosi del nome e della reputazione del lavoro di tutta una vita.

Lo scorso dicembre, il fondatore di Easy LiveAuction, un sito di aste online, è stato condannato a pagare 180.000 sterline a easyGroup per aver, secondo i tribunali britannici, “tratto in inganno i consumatori”. In passato, anche Easy Car Credit Limited ha dovuto pagare dopo la denuncia dell’imprenditore.

easygroup-01
easyGroup © DR

Molto legato al suo marchio, Sir Stelios Haji-Ioannou non ha esitato a citare in giudizio anche diversi artisti, come il gruppo inglese Easy Life e il DJ Easyfun, per aver danneggiato, anche indirettamente, la sua reputazione.

Pubblicità »

Ma perché accanirsi contro questi usurpatori? “Il furto del marchio è vantaggioso”, spiega il monegasco, “perché induce deliberatamente i consumatori a credere che l’azienda faccia parte della famiglia easy, con l’unico scopo di aumentare le vendite. Non si tratta di un errore innocente, ma di una strategia deliberata per massimizzare i profitti, senza sottoporsi ai controlli di qualità effettuati da easyGroup Ltd e senza pagarle le royalties annuali“.

Il caro imprenditore ci ricorda che “sono gli sforzi collettivi ed eccezionali dei membri della famiglia easy che hanno trasformato il marchio easy in un’istituzione degna di fiducia“. Non è quindi il caso di lasciare che questa fiducia venga intaccata da qualche individuo scorretto.

Un visionario che ha cambiato il mercato europeo del trasporto aereo

Ci vuole molto tempo per costruire la fiducia, ma basta un istante per distruggerla. Sir Stelios Haji-Ioannou lo sa bene, visto che ha trascorso più di trent’anni a costruire il suo impero.

Nato nel 1967 ad Atene, il giovane Stelios è figlio dell’armatore greco Loukas Haji-Ioannou. Il padre, un autodidatta di origine cipriota, è stato il fondatore della Troodos Shipping, una società che ha fatto fortuna acquistando vecchie petroliere. Dopo aver studiato alla prestigiosa London School of Economics e aver conseguito un master alla Cass Business School della City University di Londra, Stelios muove i primi passi nel mondo degli affari entrando a far parte dell’azienda di famiglia.

Ma il ragazzo pensava già in grande e, a soli 25 anni, si mette in proprio e fonda la sua compagnia di navigazione, la Stelmar Tankers. “Volevo dimostrare di non essere solo un figlio di papà“, ricorda Stelios in un’intervista rilasciata al Business Post irlandese quest’inverno.

“Quando avevo vent’anni”, continua l’imprenditore, “volevo creare un marchio che potesse diventare famoso. L’azienda di famiglia si occupava di trasporto marittimo e, trattandosi di un’attività B2B, nessuno sapeva cosa facessi per vivere. A soli 20 anni ho fondato la mia prima compagnia di navigazione, la Stelmar Tankers, ma anche quella era un’attività B2B e non è diventata famosa. Così ho deciso di creare un marchio che fosse conosciuto in tutto il mondo. Era quello che volevo”.

Pubblicità »

È stato durante un viaggio negli Stati Uniti che il giovane Stelios ha avuto l’intuizione che avrebbe fatto la sua fortuna. Inizia a studiare il modello low-cost e decide di attaccare il monopolio delle grandi compagnie aeree nazionali che occupavano incontrastate i cieli europei. Ecco l’idea: offrire “voli all’interno della Gran Bretagna allo stesso prezzo di un paio di jeans”.

A soli 28 anni, Stelios Haji-Ioannou fonda easyJet. Il concept? Dimezzare le tariffe applicate dalle compagnie aeree tradizionali, riducendo allo stesso tempo i costi operativi dei voli. Sebbene l’idea fosse rivoluzionaria, ci mise tempo per decollare.

Embed from Getty Images

“Non è stato sempre facile”, ricorda l’imprenditore, “è stato stressante e rischioso. Non ho dormito molto in quel periodo. Per fortuna è andata bene. Ma sono convinto che bisogna sempre tentare e utilizzare le pubbliche relazioni per pubblicizzare una nuova attività. Avviare un’impresa da soli è molto costoso“.

Per sconvolgere un mercato allora dominato da colossi internazionali, Stelios può contare sul suo acuto senso del marketing. Il giovane dirigente non esita così a presentarsi con indosso una tuta “orange easy” sul volo inaugurale di una compagnia aerea concorrente… che ha poi acquistato.

“Restituire alla società tutto quello che mi ha dato

Trent’anni dopo, easyJet trasporta più di 100 milioni di passeggeri all’anno e possiede quasi 350 aeromobili che servono una trentina di paesi. Oggi miliardario, Sir Stelios Haji-Ioannou dedica una parte significativa del suo tempo, delle sue energie e della sua ricchezza alla filantropia. “Una delle cose più gratificanti e soddisfacenti del mio modello di business è che mi fornisce un flusso di entrate regolare, che utilizzo per restituire alla società tutto quello che mi ha dato“, afferma il primo residente monegasco ad aver aderito all’iniziativa The Giving Pledge di Bill Gates nel 2017, impegnandosi a donare la maggior parte del suo patrimonio in beneficenza.

Una beneficenza che questo filantropo iperattivo svolge attraverso la Stelios Philanthropic Foundation. Con sede a Monaco, la fondazione sostiene, tra le altre cose, un concorso da 300.000 sterline destinato ai giovani imprenditori britannici: “attraverso questo concorso, speriamo di trovare e sostenere la prossima storia di successo imprenditoriale”, afferma Stelios, che non ha perso neanche un soffio del suo spirito imprenditoriale.

Pubblicità »
Embed from Getty Images

Con una sala conferenze aperta alle associazioni e agli eventi culturali (come la recente proiezione di un film in onore del Principe Alberto II), la Stelios Philanthropic Foundation opera su tutti i fronti: una donazione di 640.000 sterline all’UNICEF per curare i bambini malnutriti di Gaza; una donazione, insieme alla Comunità ellenica di Monaco, per aiutare i bisognosi in Grecia; un concorso rivolto ai giovani imprenditori ciprioti; premi per le imprese bi-comunitarie  cipriote/greche per incoraggiare la pace in quest’isola divisa; un premio di 200.000 sterline per gli imprenditori britannici disabili; una raccolta, alla presenza del Principe Alberto II, di diverse centinaia di migliaia di euro per la salvaguardia dell’ambiente nel Mar Mediterraneo, ma anche per la Fondazione Principe Alberto II e per il WWF; la distribuzione di sacchi a pelo per i senzatetto di Monaco; le donazioni all’associazione Air League; un’iniziativa a favore dello sport e della pace; e molto altro ancora.

sir-stelios-prince-albert-ii-sanctuaire-pelagos
Il Principe Alberto II e la Direttrice Generale di WWF International, Dr. Kirsten Schuijt, con Sir Stelios Haji-Ioannou – © Stelios Philanthropic Foundation

Monaco nel cuore

Insignito dell‘Ordine di San Carlo, il più alto grado del Principato, nel novembre 2023 dal Principe Alberto II in persona, ‘Sir’ Stelios deve il suo cavalierato alla Regina Elisabetta II d’Inghilterra.

Stelios-ordre-saint-charles
Sir Stelios è stato nominato Cavaliere dell’Ordine di San Carlo dal Sovrano nel 2023 – DR

Ma è a Monaco, dove vive, che si trova il suo cuore; è a Monaco che l’originario di Atene si è unito, lo scorso marzo, alla folla per acclamare il Principe in occasione del suo compleanno; sempre a Monaco è entrato a far parte del Monaco Economic Board. Monaco è anche il luogo in cui ha deciso di investire nella cultura locale e nei dipendenti dell’Centro Ospedaliero Principessa Grace, e infine, Monaco è il luogo in cui Stelios gestisce il suo impero per poter restituire sempre di più alle comunità locali e ai paesi che lo hanno accolto.

Monaco è sempre nel cuore, perché “alcuni problemi sono troppo grandi e troppo lontani (…). Preferiamo sostenere quei quattro o cinque paesi in cui ho trascorso parte della mia vita“, afferma colui che spera “che, donando fondi sufficienti alla mia Fondazione, questa possa continuare a fare del bene a mio nome. Sarà questa la mia eredità”.

Privacy Policy