Mercoledì, il Principe Alberto ha trascorso parte del pomeriggio a Terlizzi, un comune della Puglia che aveva già visitato per la prima volta nel 1997. In Italia dal 20 al 22 aprile, il Principe vuole mantenere le relazioni con i comuni storicamente legati alla sua famiglia.

Una visita diplomatica e un programma intenso. Appena arrivato al comune di Terlizzi, il Sovrano ha assistito all’inaugurazione di una prima targa all’ingresso dalla città. Sull’insegna si legge: “Sito storico dei Grimaldi di Monaco”, prova che il comune è da tempo legato alla storia del Principato.

L’ultima visita del Principe a Terlizzi risale al 1997, più precisamente al 16 giugno, in occasione dei festeggiamenti per i 700 anni della dinastia dei Grimaldi. Era stato il Principe Ranieri III ad aver incaricato il figlio, ai tempi Principe Ereditario, di fare visita ai territori la cui storia si era incrociata con i signori e i principi di Monaco.

LEGGI ANCHE: Ambasciatore Giulio Alaimo: “La cultura monegasca è ricca d’italianità”

La visita è poi proseguita con una tappa nella chiesa di Santa Maria di Sovereto e con un giro tra le strade della cittadina. Il Principe ha assistito all’inaugurazione di una seconda targa, questa volta commemorativa, sulla facciata dell’antico castello appartenuto agli avi del Sovrano tra il 1532 e il 1641. Dopo un momento di raccoglimento davanti al monumento ai caduti di Terlizzi, la visita si è conclusa alla Pinacoteca con un discorso del Principe e del sindaco del comune Nicola Gemmato.

Il viaggio del Principe è poi proseguito con la visita del comune di Trani e soprattutto della sua cattedrale, San Nicola Pellegrino. La delegazione monegasca e i sindaci di Trani, Canosa di Puglia, Terlizzi, Poggiorsini e Spinazzola hanno concluso la giornata con una cena.