Intervista

Intervista ad Alexandre Boin, nuovo direttore del Club des Résidents Etrangers de Monaco

alexandre boin crem
© CREM

Il 31enne monegasco, che lavorava per il Governo di Monaco, spera di creare nuove sinergie tra il Club e le istituzioni del Principato.

Pubblicità

Il Club des Résidents Etrangers de Monaco (CREM) ha un nuovo direttore. Dal 3 gennaio, Alexandre Boin ha preso il posto di Chris Dhondt, che ha lasciato il suo incarico per motivi professionali.

A soli 31 anni, il giovane monegasco vanta una solida esperienza internazionale. Un vantaggio innegabile per le sue nuove responsabilità.

“Dopo gli studi a Monaco, ho frequentato la scuola di economia a Nizza e ho conseguito un master in marketing e management”, racconta. “Ho partecipato a uno scambio Erasmus a Vilnius, in Lituania, e ho fatto uno stage in Spagna, a Madrid, e poi in Vietnam, a Saigon. Volevo continuare a lavorare e vivere in Vietnam e l’agenzia pubblicitaria per cui lavoravo era disposta a offrirmi un contratto. Purtroppo sono dovuto tornare a Nizza per presentare la tesi. Nel frattempo la legge è cambiata e non ho più potuto stabilirmi lì come residente estero”.

Una benedizione sotto mentite spoglie: tornato nel Principato nel 2014, Alexandre Boin entra a far parte del Consiglio nazionale nel dipartimento di comunicazione e pubbliche relazioni. Due anni dopo, si unisce al Welcome Office: un dipartimento governativo incaricato di fornire informazioni a chiunque desideri stabilirsi a Monaco a titolo privato e/o professionale.

“Ero spesso in contatto con enti del settore privato e potenziali futuri residenti o imprenditori, ed è stato allora che ho scoperto il CREM”, racconta.

Monegasco ma con un profilo internazionale

Prima di dirigere il prestigioso Club, lo scorso luglio Alexandre è entrato a far parte dell’unità “attrattività” del Governo, guidata da Frédéric Genta. Una posizione che pensava avrebbe occupato a lungo, fino a quando, qualche mese dopo, non ricevette una telefonata.

“Ho ricevuto la telefonata di Chris, che mi ha ufficiosamente informato delle sue imminenti dimissioni e mi ha chiesto cosa ne pensassi di assumere il ruolo di direttore del club. Secondo lui, avevo il profilo giusto. È stato un vero onore il fatto che avesse pensato a me. Gli ho chiesto perché avesse scelto un monegasco, visto che si tratta di un Club dedicato ai residenti stranieri“, continua.

La risposta era piuttosto semplice: la sua esperienza internazionale, la sua conoscenza fluente dell’inglese e dell’italiano e il suo lavoro al Governo con gli stranieri che arrivano nel Principato hanno reso Alexandre il candidato ideale per l’incarico. Un’opinione condivisa da Louisette Levy-Soussan Azzoaglio, Presidente del Club: “Le dimissioni di Chris l’hanno inevitabilmente rattristata, perché avevano un ottimo rapporto”, ci ha confidato. “Ma credo che si sia fidata di Chris quando mi ha raccomandato. Ci siamo spesso scambiati idee io e lei, è molto presente per il Club, è sempre molto propositiva (…) Per quanto mi riguarda, non sono spaventato da questa sfida, anzi sono piuttosto eccitato. Conosco bene Monaco e i suoi diversi attori e il fatto di aver lavorato nel Governo può contribuire a creare sinergie”.

Ed è questo l’obiettivo di Alexandre Boin, che ha accettato l’incarico senza esitazioni. Anche se non voleva mettere in difficoltà i suoi colleghi dell’unità “attrattiva”, di cui era appena entrato a far parte, Alexandre sapeva che non poteva lasciarsi sfuggire questa opportunità. “Tutti quelli con cui ho parlato mi hanno detto che avevo il profilo giusto per il lavoro”, racconta.

Un importante supporto per i residenti

Grazie alle sue passate collaborazioni con il Club, il giovane aveva già avuto modo di conoscere i membri e lo staff. “Ho potuto vedere il potenziale del Club. Chris ha svolto un lavoro straordinario, sia in termini di sviluppo delle attività che di gestione del bilancio e della crescita del Club. È sempre bello rilevare un’azienda in piena salute. È una sfida ancora più grande per me, perché devo mantenere alta l’asticella, per soddisfare i soci del Club che erano e sono ancora molto legati a Chris”.

L’obiettivo non è quindi quello di “rivoluzionare tutto” ma di mantenere l’attività del Club, seguendo quanto istituito da Chris Dhondt. “Continueremo a creare e a proporre eventi e conferenze che riuniscano i residenti intorno alla gastronomia, alla cultura, all’arte, alla musica… Siamo fortunati: Monaco organizza più di 700 eventi all’anno e il Principato ha molto da offrire in tutti i settori. Ce n’è per tutti i gusti e possiamo selezionare eventi che soddisfino tutti i soci”, promette Alexandre.

E anche se il nuovo direttore intende per prima cosa “osservare e assimilare”, desidera soprattutto mettere la sua rete e la sua esperienza al servizio dei membri del CREM: “quello che posso offrire è l’esperienza che ho acquisito nel Governo. Ad esempio, la mia conoscenza delle procedure amministrative, per i residenti, gli investitori e gli imprenditori. Conosco bene il tessuto economico locale, quindi se i residenti hanno domande, ad esempio sul rinnovo del permesso di soggiorno o sull’avvio di un’attività, sarò lieto di ascoltarli e di consigliarli. Voglio essere un vero supporto, un vero tramite d’informazioni per il Club”.

Alexandre Boin ha già avuto modo di conoscere la maggior parte dei soci, che gli hanno riservato un caloroso benvenuto durante il cocktail di Natale. “Tutti sembravano felici e ansiosi di vedere cosa avrei proposto. L’importante per me è incontrarli, scambiare idee. Senza soci, non esiste il Club. È importante ascoltarli, discutere di ciò che gli piace, dei loro hobby, dei loro interessi, in modo da offrirgli attività appropriate”, conclude.