Pubblicità »
Notizia

Il primo Forum Peace and Sport in Arabia Saudita ha riunito personalità di spicco

Peace-and-Sport-Arabie-Saoudite-2-min
Alla chiusura del Forum è stata esibita La White Card (Foto © Peace and Sport)

Il Forum Peace and Sport Middle-East, organizzato dal Comitato Olimpico e Paralimpico dell’Arabia Saudita, è uno dei principali eventi per il dibattito sulla pace attraverso lo sport.

Politici, promotori della pace ed esperti si sono riuniti per discutere il tema di quest’anno: “Lo sport, una risposta per la pace”. Il Principe Alberto II era presente al dibattito.

Pubblicità

” Sono convinto che lo sport abbia una missione unica e straordinaria: riunire le persone per una causa comune, permettere alle comunità disgregate di ricostruire i propri legami e migliorare la resilienza dei popoli”, ha dichiarato il Sovrano.

“Mettere i valori dello sport al servizio di una pace duratura e trasformarli in un motore per l’integrazione sociale dei più svantaggiati è certamente una delle cause più belle che l’uomo possa difendere”.

Peace-and-Sport-Arabie-Saoudite-minPeace-and-Sport-Arabie-Saoudite-min
Joël Bouzou con il Principe Alberto II (Foto © Peace and Sport)

Uno dei punti di forza del forum è stata la partecipazione di star del mondo del calcio impegnate nel promuovere la convivenza e l’inclusione attraverso lo sport. Tra queste, Nadia Nadim, Campionessa della Pace 2023, Didier Drogba, Vicepresidente di Peace and Sport, e Sadio Mané, giocatore senegalese.

Pubblicità »

Il forum si è concentrato su quattro punti principali: sostenere l’impegno sociale degli atleti, massimizzare l’impatto sociale degli eventi sportivi, creare coalizioni per incentivare le prassi migliori e promuovere la campagna.

Nominati i nuovi Campioni della Pace dell’Arabia Saudita

“Condividiamo la visione dello sport come strumento equo e universale. È una risorsa fantastica per creare una cultura di pace e di benessere collettivo attraverso il dialogo”, ha dichiarato Joël Bouzou, presidente e fondatore di Peace and Sport, in un comunicato stampa. “Non si tratta solo di affermare una convinzione, ma di dimostrarla con prove concrete”.

La cerimonia di consegna dei Peace and Sports Awards ha chiuso l’evento, promuovendo le migliori pratiche nello sport come strumento di pace.

Sadio Mané (Al Nassr), il primo vincitore del Premio Socrates, che viene assegnato ai calciatori che si impegnano maggiormente nella società attraverso iniziative di solidarietà, ha dichiarato di essere stato “molto felice” quando ha ricevuto il Premio Socrates, “non per il trofeo in sé”, ma perché si è reso conto “della portata dell’impatto” delle sue azioni sulla sua comunità.

Pubblicità »
Prince-Albert-II-Arabie-Saoudite-min
Il Principe Alberto II si è recato in Arabia Saudita per partecipare al Forum (Foto © Peace and Sport)

La cerimonia si è conclusa con la nomina dei nuovi Campioni per la Pace sauditi, che si impegneranno a diffondere il messaggio di pace attraverso lo sport nel Paese.

Ecco l’elenco completo dei vincitori: Iniziativa dell’anno per la pace attraverso lo sport: Fondazione Zalmi (Pakistan), Fondazione Georges Malaika (Repubblica Democratica del Congo); Iniziativa dell’anno per gli sport di combattimento: World Taekwondo; Premio speciale della giuria: Gamers Without Borders (Arabia Saudita); Campionessa per la pace dell’anno: Nadia Nadim (Danimarca).

“I valori del rispetto, della cooperazione e del fair play radicati nello sport sono senza dubbio parte del concetto di pace e di impegno positivo per arrivare a un linguaggio comune che ci unisca in varie parti del mondo”, ha concluso il principe Abdulaziz bin Turki Al Faisal.