Ancora poco conosciuto in Francia, Paul Mitchell è stato appena assunto in qualità di direttore sportivo dell’AS Monaco. Il trentottenne, che prima lavorava per RB Lipsia, si prepara ad affrontare una nuova sfida, dopo Southampton e Tottenham. Vediamo più da vicino il nostro modesto ex giocatore di calcio britannico, ritiratosi dal campo di calcio a soli 27 anni e  che oggi può vantarsi di aver rivelato al grande pubblico giocatori come Dele Alli o Sadio Mané.

Oleg Petrov ha trovato la perla rara, il profilo che cercava da molte settimane. Il vicepresidente e CEO dell’AS Monaco Paul Mitchell, arrivato dall’RB Lipsia, è stato un vero gioiello in centrocampo, con un curriculum impressionante dopo i suoi successi a Southampton, Tottenham e Lipsia. Cosa serve per far rivivere la ricerca di una nuova vita all’ASM dopo una nuova stagione senza Coppa Europa?

Un vero e proprio ricercatore di talenti

La lista è impressionante, quasi incredibile. Pragmatico, il britannico ama il gusto del rischio, come dimostrano le numerose sfide durante la sua carriera. Le sue principali gesta? Cercare nuovi giocatori in divisioni inferiori o nei campionati secondari per farne delle star internazionali, come il giocatore della nazionale senegalese Sadio Mané, avvistato alla Red Bull Salisburgo e che ora è uno dei dirigenti del vittorioso Liverpool di Jürgen Klopp. Ma non è tutto. Paul Mitchell è anche Dele Alli, Toby Alderweireld, Heung-min Son, Kieran Trippier, Dusan Tadic, Graziano Pellè o Nordi Mukiele o Dayot Upamecano. Sono tutti giocatori esperti, arrivati timidamente nelle varie squadre, dove l’inglese ha lavorato.

Un ex giocatore con la carriera in crisi

Prima di vestire i panni di direttore sportivo o di responsabile del reclutamento, Paul Mitchell è stato un giocatore in campo nel campionato inglese. Il nativo di Stalybridge, una città a nord-ovest dell’Inghilterra, ha giocato per le squadre del Manchester City e del Wigan Athletic e ha indossato in seguito in colori dell’Halifax Town, Swidon Town e Milton Keynes Dons nelle divisioni inferiori. Ma nel 2009, un grave infortunio alla caviglia ha costretto il difensore o il centrocampista a interrompere prematuramente la propria carriera. È l’inizio di una nuova vita, dietro le quinte piuttosto che in campo.

Nelle grazie del Paris Saint-Germain e del Manchester United

Dopo due stagioni a costruire “a braccetto con Mauricio Pochettino” una formidabile squadra a Tottenham, che raggiungerà qualche anno più tardi la finale della Champions League 2019, le relazioni tra Paul Mitchell e la direzione della squadra inglese si sono raffreddate. Si è dimesso nel 2016 con 16 mesi di preavviso. Le dimissioni sono state sufficienti da attirare l’attenzione di grandi squadre europee, come il Manchester United e il Paris Saint-Germain che hanno provato a collaborare con il “mago” britannico. Finalmente, nel febbraio 2018, Paul Mitchell è atterrato a Lipsia. La formazione dei giovani e il progetto hanno convinto l’ex di Southampton. L’avventura è in corso.

Tra RB Lipsia e Paul Mitchell, un metodo che funziona 

Promosso direttore della strategia di Red Bull, un ruolo più vicino a quello di direttore tecnico, solo dopo un anno e mezzo dal suo arrivo a Lipsia, Paul ha coordinato la galassia Red Bull e i suoi numerosi club (Red Bull New York, Reb Bull Salzbourg, Red Bull Bragantino). Un lavoro di grande responsabilità, ma che non piace molto all’inglese , per mancanza del campo da gioco. In due stagioni, pertanto, Lipsia si è fatta un nome all’interno dei confini tedeschi, facendo concorrenza al Bayer Monaco, ma anche in Europa, con un quarto di finale della Champions League ancora da giocare questa stagione quando riprenderà questa estate. La chiave di questa riuscita? Una linea guida rigorosa per il reclutamento dei giocatori di età inferiore a 24 anni. Un sistema di successo che ha visto Mitchell portare Christopher Nkunku (21 ans), Ademola Lookman (21 ans), Hannes Wolf (20 ans), Dani Olmo (21 ans) et Patrik Schick (23 ans).