Con il suo primissimo gol segnato nella Ligue 1, in occasione della vittoria del Monaco contro l’FC Nantes (2-1) domenica scorsa, Willem Geubbels intravede la luce alla fine del tunnel, dopo due stagioni delicate segnate da diversi infortuni che hanno rallentato la sua carriera. A soli 19 anni, l’attaccante ha tutta la vita davanti per poter riprendere la sua ascesa.

Il tempo serve senza dubbio a far guarire le ferite e dimenticare il passato, soprattutto se questo non è stato particolarmente roseo. Considerato un talento fin dalla tenera età, Willem Geubbels è forse riuscito a riprendere in mano una carriera promettente rallentata da un infortunio dopo l’altro. Nonostante la sua forza d’animo sia stata messa a dura prova, l’attaccante fa il suo ingresso nel Monaco ad appena 17 anni, dopo aver trascorso un anno nell’Olympique Lione: una squadra che lo ha formato e in cui è entrato all’età di nove anni. Un vero talento nella categoria juniores dell’OL, l’attaccante francese debutta nella Ligue 1 ad appena 16 anni sotto l’ala protettiva di Bruno Genesio, che lo fa entrare in campo durante una partita contro il Dijon (2-1) il 23 settembre 2017. Nonostante il ragazzo abbia una tecnica e una velocità impressionanti, l’allenatore lionese sfrutta il suo talento con parsimonia, per preservare un giocatore non ancora maturo. Impaziente di giocare, e noncurante della sua giovane età e della concorrenza, l’attaccante dai piedi d’oro decide di iniziare una nuova avventura firmando un contratto da 20 milioni di dollari con il Monaco, nonostante alcune squadre europee, come il Manchester City o il Bayern Monaco gli avessero messo gli occhi addosso.

In queste due stagioni, ho vissuto ogni genere di emozione

Purtroppo, con l’arrivo nel Monaco, squadra che ha la fama di far brillare i suoi acquisti, la carriera di Geubbels non decolla come ci si aspettava. È l’inizio di un interminabile declino. “In queste due ultime stagioni, ho vissuto ogni genere di emozione”, dichiara domenica scorsa durante la conferenza stampa. Entrato in campo a metà del secondo tempo in sostituzione di Gelson Martins, segna il suo primo gol nella Ligue 1 regalando la vittoria alla squadra contro l’FC Nantes (2-1). “Ho avuto diversi infortuni alla coscia e sono stato operato al ginocchio. Quando tornavo in campo, davo sempre il massimo, forse anche troppo visto che mi infortunavo di nuovo”. Apparso in campo solo due volte con la maglia bianco rossa nella stagione 2018/2019, Geubbels ha avuto un anno sfortunato, nonostante qualche presenza nella Youth League. Ma con l’arrivo di Niko Kovac sugli spalti del Monaco, l’attaccante sembra essere rinato dalle sue ceneri, finalmente libero dagli infortuni. Durante le prime tre partite del campionato, l’ex lionese è entrato in campo sempre a incontro già iniziato (contro il Remis, il Metz e infine il Nantes), ogni volta giocando sempre più a lungo, fino a segnare il suo primo gol contro il Nantes, un vero momento di svolta.

Willem ha un gran potenziale

“Dopo due anni terribili, segnare questo gol è stato fantastico”, dichiara subito dopo la partita. “Ma non finisce qui. Devo impegnarmi ancora di più, allenarmi e continuare su questa strada. Ho come la sensazione che il peggio sia passato, ma i tempi duri devono ancora arrivare”. Deciso a segnare più gol possibili in questa stagione per “aiutare la squadra a raggiungere i suoi obiettivi”, Geubbels potrà contare sul sostegno del suo allenatore, senza dubbio affascinato dalle qualità del giovane attaccante. “Willem ha un gran potenziale. Sono contento che sia riuscito a segnare. Ha fatto un ottimo gioco, come a Metz, dove si è dovuto sacrificare per la squadra perché eravamo rimasti in dieci”, ha ricordato Niko Kovac. “Ed è solo l’inizio. Davanti a sé ha una bellissima carriera, è quello che spero per lui. Ma nell’attesa, dovrà impegnarsi molto per continuare a dare il meglio in campo”. È questo il prezzo da pagare per raggiugere il successo.


Questa stagione Willem Geubbels avrà il suo posto in campo?

AS Monaco / Willem Geubbels
AS Monaco / Willem Geubbels

Con una linea d’attacco già ben fornita, con Wissam Ben Yedder, Stevan Jovetic, Gelson Martins, Henry Onyekuru, Pietro Pellegri e Kevin Volland, arrivato da poco dal Bayer Leverkusen, quest’anno Geubbels potrebbe entrare in campo dietro la coppia Ben Yedder-Volland, o sulla fascia destra, dove dovrà vedersela con Gelson Martins. Ma questa stagione, il suo principale rivale sarà sicuramente Pellegri, anche lui di ritorno da un infortunio e determinato a restare in campo il più possibile. Grande speranza del calcio italiano, l’ex attaccante del Genoa (19 anni) ha avuto una storia simile a quella di Geubbels, con diversi infortuni che hanno rallentato la sua corsa. Dopo un’entrata interessante contro il Nantes, l’italiano sarà un vero rivale per Geubbels. Immaginare i due giocatori insieme in campo, soprattutto nella Coppa di Francia, è un’ipotesi piuttosto interessante!

Traduzione a cura di Valentina Alia.