Servizio

Favorire il commercio locale: in soccorso dei monegaschi arriva una nuova piattaforma

Pierre Billon - Sébastien Lambla - Doux Village
Doux Village

Con le feste ormai alle porte, molti si affrettano a comprare i regali dell’ultimo minuto. Ma con la crisi sanitaria che ha scosso gran parte del pianeta, le abitudini dei consumatori sono cambiate, propendendo per gli acquisti online. Per fortuna, a Monaco, il digitale ha salvato anche i commercianti locali.

Pubblicità

Con le nuove restrizioni a causa della pandemia, lo shopping online ├Ę esploso nelle ultime settimane. Con loro c’├Ę stata una forte consapevolezza della necessit├á di consumare localmente in questi tempi di crisi. Per raggiungere questo obiettivo sono state create diverse piattaforme, la pi├╣ recente delle quali ├Ę quella di Pierre Billon e S├ębastien Lambla: DouxVillage.mc. I loro servizi? Oltre ad essere una piattaforma di shopping online, permettono di ricevere il vostro ordine durante il giorno, in qualsiasi parte del Principato di Monaco, se ├Ę stato effettuato prima delle 11 del mattino e vogliono avvicinare i clienti e i commercianti del Principato.

Promuovere il commercio a Monaco

I due monegaschi lavorano a questo progetto da diversi mesi: “L’obiettivo era di promuovere il commercio nel Principato. Con DouxVillage, vogliamo offrire una piattaforma digitale che possa mettere in risalto i prodotti e aiutare i commercianti a vendere di pi├╣”, spiega Pierre Billion. Ed ├Ę quello che stanno facendo da diverse settimane.

Una clientela variegata

Una boccata d’aria fresca per i commercianti in questo periodo di crisi economica? Pi├╣ o meno. Con il lockdown e il coprifuoco, molte aziende hanno visto diminuire il loro patronato. “Vogliamo mostrare tutti i prodotti del Principato e proporre offerte accessibili a tutti i budget”, dice S├ębastien Lambla.ÔÇëL’aumento degli acquisti online ├Ę stato innegabile nelle ultime settimane. DouxVillage permette di scoprire negozi in cui alcuni potrebbero non essersi mai fermati. La clientela ├Ę molto diversificata e questo ├Ę un fatto importante.”

>> LEGGI ANCHE: Seconda ondata di coronavirus: i piccoli commercianti saranno schiacciati dalle grandi catene?

Una vittoria su tutti i fronti

I commercianti l’hanno capito. Per questo una quindicina di negozi hanno gi├á fatto il grande passo e si sono affidati a DouxVillage. ├ł il caso della boutique Charlet S.A.M., che rappresenta i marchi Bertulli e Patino Shoes a Monaco. “Da settembre 2020 abbiamo aperto uno showroom a Monaco per esporre i nostri modelli” confida Lauriane Thooris, Marketing Manager del marchio. “I nostri clienti possono venire a provare i modelli sul posto prima di effettuare un ordine sul web. Tuttavia, manca la visibilit├á nel Principato. Doux Village ha attirato la nostra attenzione perch├ę ci permetter├á di far conoscere il nostro showroom e quindi di sviluppare un nuovo canale di vendita. Siamo davvero ottimisti su questo progetto.”

E l’industria internazionale?

Il principio del “commercio locale” pu├▓ essere esteso a tutti i settori? Per Patrick Bogaerts, CEO di GPS Monaco Group, specializzato in subappalti e acquisti in Cina, non necessariamente. “Il processo di industrializzazione deve essere rilanciato. Consumate a livello locale? Sono il primo a difendere questo principio. Tuttavia, questo non pu├▓ essere fatto con tutti i settori. Se domani dico a uno dei miei clienti: “Vender├▓ il 30% in pi├╣, ma ├Ę locale, mi riattaccher├á in faccia”. A livello macroeconomico, ci sono cos├Č tante aziende che si guadagnano da vivere con le esportazioni che sarebbe difficile smettere di esportarle.”