Sono tantissimi i privati e le aziende a volersi stabilire nel Principato. Monaco con il suo tenore di vita, il clima, la sicurezza e i vantaggi fiscali, è un sogno per molti stranieri; ma stabilirsi sulla Rocca richiede pianificazione. Ecco cosa è necessario fare per diventare residenti monegaschi.

Dal 2011, il Welcome Office guida coloro che desiderano stabilirsi nel Principato. Tutti gli stranieri maggiori di 16 anni che desiderano risiedere a Monaco per più di tre mesi l’anno, devono richiedere un permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità monegasche.

Per i cittadini dello Spazio Economico Europeo (SEE), basta essere titolari di una carta d’identità o di un passaporto in corso di validità. Non è necessario alcun visto, a differenza di quanto richiesto ai cittadini dei paesi extra SEE. Questi ultimi, prima di iniziare la procedura nel Principato, devono richiedere un visto d’entrata per Monaco, rilasciato dalle autorità francesi e necessario anche per i minori.

>> LEGGI ANCHE: Monaco-Ventimiglia in dieci minuti grazie a una navetta da 1,2 milioni di euro

Tantissime nazionalità presenti a Monaco

Un altro aspetto necessario per richiedere la residenza monegasca, consiste nel disporre di un alloggio che corrisponda alle necessità del nucleo familiare. È obbligatorio, quindi, dimostrare di essere in possesso di un contratto d’affitto firmato e registrato, che consenta di depositare la domanda di residenza. Trovare un appartamento a Monaco tramite privati è cosa rara, le agenzie immobiliari sono indispensabili.


>> Guarda anche: Durante il nostro video, Laurence Garino, direttrice del Welcome Office, risponde a diverse domande su come ottenere la residenza monegasca.


Per potersi stabilire a Monaco, è inoltre richiesta una motivazione reale, che dimostri che l’individuo possa permettersi di vivere nel Principato. A questo proposito, per alleggerire le pratiche, aprire un conto bancario è un passaggio chiave, anche se non obbligatorio. Per quanto riguarda la previdenza sociale, la copertura delle spese sanitarie, per tutti i membri della famiglia, dipende dal Fondo di compensazione dei servizi sociali del Governo del Principe. Ai bambini vengono offerti i servizi di custodia, tra cui la scuola materna di tre anni, in cui viene anche impartito l’insegnamento intensivo della lingua inglese.

I vantaggi di essere residente monegasco

Risiedere a Monaco offe anche numerosi vantaggi. Nonostante il Principato non sia più un paradiso fiscale, la tassazione resta comunque molto conveniente. Tutti i residenti a Monaco sono esonerati dall’imposta sul reddito, fatta eccezione per quelli di nazionalità francese.

>> LEGGI ANCHE: Diventare monegaschi nel 2021. Ecco come fare

Ma non è tutto. I beni immobiliari non sono sottoposti ad alcuna imposta, né fondiaria, né di proprietà. Unica eccezione è la tassa di registrazione dei contratti di affitto, pari all’1% dell’importo annuale del canone di locazione. Le aziende (nel caso in cui non superino il 25% del loro fatturato all’estero), non sono soggette a nessuna tassazione e sono esonerate dall’imposta sul reddito di impresa (IRI) per dieci anni, per poi passare a un’imposizione fiscale progressiva nei tre anni seguenti.

38 000


Il numero approssimativo della popolazione monegasca. Nel 2016, 9.286 residenti nel Principato erano francesi, 8.172 italiani e 2.795 inglesi, solo per citare le nazionalità più presenti.

>> LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere per avviare un’attività a Monaco