Dopo aver partecipato alla 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a fine settembre, il 16 ottobre, il Principe Alberto II ha aderito alla Giornata mondiale dell’alimentazione.

Contribuire per creare un mondo che rispetti sempre più l’ambiente e che sia più attento alle vite degli esseri umani. È questo l’impegno preso del Governo del Principe lo scorso settembre, quando il Principe Alberto II ha partecipato a distanza alla 76a sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

All’ordine del giorno di questi incontri c’era un forte desiderio, condiviso dall’ONU e dal Sovrano, di concentrarsi su una ricostruzione economica post-COVID che fosse il più verde e sostenibile possibile. Il Principe ci ha tenuto anche a sottolineare l’importanza della lotta contro il riscaldamento globale e l’inquinamento degli oceani.

Perché la fame non sia più un problema

Ancora una volta, il Governo del Principe ha ribadito il suo impegno nella lotta contro la fame nel mondo. Così, il 16 ottobre, Monaco ha aderito ufficialmente alla Giornata mondiale dell’alimentazione. In una dichiarazione ufficiale, il governo ha ricordato il suo impegno nel raggiungere il secondo degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, ovvero sconfiggere la fame.

Attualmente, Monaco sta finanziando un progetto, gestito dall’ONG francese GRET, per ridurre la grave malnutrizione infantile in Niger. Se anche voi volete dare il vostro contributo per risolvere questa piaga umanitaria, potete scaricare l’applicazione ShareTheMeal e fare una donazione.