L’AS Monaco si qualifica agli ottavi di finale della Coppa di Francia, con la vittoria sul Quevilly-Rouen domenica sera (1-3).

La partita: 1-3

Il bilancio della prima partita dell’era post-Kovac è positivo per l’AS Monaco, che è riuscito a portare a casa la vittoria senza intoppi contro il Quevilly-Rouen, militante in Ligue 2. Sotto la guida del capitano Wissam Ben Yedder, i monegaschi sono passati in vantaggio già nel primo tempo grazie a un calcio di rigore trasformato dall’internazionale francese (0-1, 33′).

Un vantaggio raddoppiato appena quattro minuti più tardi da Kevin Volland su un passaggio di Wissam Ben Yedder (37′, 0-2), per un’azione che riconferma il ritorno in piena forma dell’incredibile duo “Yederland”. Kalidou Sidibé ha restituito brevemente la speranza al Quevilly-Rouen con un gol messo a segno poco prima della fine del primo tempo (1-2, 43′). Ma i monegaschi hanno poi riconfermato la vittoria per mano di Kevin Volland, che ha segnato di sinistro su un passaggio servito da Wissam Ben Yedder (58′, 1-3). Si tratta dunque di una terza vittoria consecutiva per la squadra di Rocher, che si prepara ora ad affrontare il Nantes il prossimo fine settimana.

La performance: Ben Yedder e Volland sempre più indispensabili

Con due reti segnate da Kevin Volland e un gol e due passaggi decisivi per mano di Wissam Ben Yedder, i due attaccanti monegaschi hanno nuovamente riconfermato la loro eccezionale sintonia in campo, proprio come nella stagione passata. E i risultati parlano da soli: negli ultimi cinque match, Volland e Ben Yedder sono stati responsabili della totalità delle reti segnate dall’AS Monaco (per un totale di 8). La performance dei due internazionali francesi è stata dunque determinante, e il duo ha già avuto modo di provare ampiamente le proprie capacità.

Il numero: 3

Come il numero di giocatori che questa stagione hanno indossato per la prima volta la maglia dell’AS Monaco. Si tratta dei giovani Yllan Okou (19 anni), Maghnes Akliouche (19 anni) e Soungoutou Magassa (18 anni). In totale sono nove i giocatori formati all’Academy, di cui otto membri della N2, che hanno giocato in trasferta in Normandia. La formazione iniziale ha un’età media di appena 22,9 anni.

La frase: “Abbiamo giocato con serietà e impegno”

Ruben Aguilar: “Siamo riusciti a integrare con efficacia tutte le indicazioni del coach, e questa sera abbiamo saputo giocare con serietà e impegno. Abbiamo fatto un buon lavoro, anche contro una formazione di Ligue 2.

LEGGI ANCHE: AS Monaco: i ricordi del 2021 e le aspettative per il 2022