Il primogenito dei fratelli Rinaldi, appena tornato dalla Cina dove ha gareggiato alle Olimpiadi Invernali, ha rilevato da quasi un anno la pescheria di famiglia Ange Rinaldi, per aiutare il padre e perpetuare questa tradizione ancestrale.

La morte della nonna centenaria, Jeanne Rinaldi, ha sicuramente fatto scattare qualcosa. Un simbolo del mercato della Condamine, ormai soprannominata affettuosamente Olga, la nonna del ragazzo aveva la pesca nei geni. “Quando è venuta a mancare, mi sono reso conto dell’importanza di questo patrimonio di famiglia“, afferma Anthony Rinaldi con voce commossa.

Grembiule al mattino e abito nel pomeriggio

Nella famiglia Rinaldi la pesca è una tradizione da cinque generazioni. E se il più grande dei nipoti di Olga, sei in tutto, non ha subito intrapreso questo percorso comune, è ormai da un anno che all’alba espone pesci e crostacei sui banchi della pescheria Ange Rinaldi, che prende il nome dal nonno.

È un mestiere bellissimo, all’antica, ricco di valori ma che è ormai in declino. Non è facile trovare giovani che vogliano intraprendere questa strada

Anthony Rinaldi

“Mio padre (Charly) è sempre presente, ma ora può rilassarsi un po’ e viaggiare. Anche se d’estate aiuta mio cugino Éric (Rinaldi) a pescare i pesci grossi come il tonno o il pesce spada”, sorride Anthony, che non aveva mai considerato veramente di voltare le spalle alla pescheria, nonostante confessi una predilezione per la montagna più che per il mare. “È un mestiere bellissimo, all’antica, ricco di valori ma che è ormai in declino. Non è facile trovare giovani che vogliano intraprendere questa strada“.

Famiglia Rinaldi
La pesca e la famiglia Rinaldi, una storia di famiglia / © Monaco Tribune

Dopo aver completato gli studi a Monaco, Anthony, che festeggerà il suo 35° compleanno il prossimo luglio, ha deciso di intraprendere anche la strada del giardinaggio. “Mi sono occupato di cactus per sette anni, prima di aprire la mia azienda nel campo dell’edilizia”. Sono dieci anni ormai che Anthony Rinaldi si occupa dei cantieri di ville private per conto della sua azienda, MR Construction. Tutto questo in parallelo a un’altra passione molto diffusa tra i Rinaldi: il bob.

Il bob è il suo momento di sfogo

“Ho iniziato a diciannove anni, prima di sospendere la mia breve carriera dai ventitré ai ventinove anni “, dice. “Ho avuto due figli (oggi tre) che hanno preso molto del mio tempo. E conciliare tutto con il lavoro non è stato facile“. Anthony Rinaldi, però, ha colto l’occasione per trasmettere la sua passione al fratello Rudy. “Gli ho passato il testimone!

È il ricordo più bello della mia vita dopo la nascita dei miei figli. I Giochi Olimpici sono un’esperienza davvero unica

Anthony Rinaldi

Anthony e Rudy hanno partecipato alle ultime Olimpiadi invernali di Pechino, in Cina, insieme a Boris Vain. Olimpiadi che rimarranno impresse nella memoria, visto che i bobbisti si sono aggiudicati il miglior risultato nella storia dello sport olimpionico monegasco. “È il ricordo più bello della mia vita dopo la nascita dei miei figli. I Giochi Olimpici sono un’esperienza davvero unica. E questo ripaga tre anni di sacrifici e sforzi intensi”.

Pescheria
Gli amanti del pesce fresco e dei frutti di mare hanno l’imbarazzo della scelta da Ange Rinaldi / © Monaco Tribune

Un viaggio dall’altra parte del mondo che Anthony non dimenticherà facilmente. “La cerimonia di apertura è stata qualcosa di incredibile. In termini di infrastrutture, sono state le Olimpiadi più belle della storia “, racconta questo appassionato di sport di velocità, che oltre a lanciarsi a 130 km/h a rasoterra, esplora i sentieri dell’entroterra in enduro. “Mi è piaciuta molto la cultura cinese e abbiamo anche potuto assistere ad alcuni eventi di sci alpino, soprattutto per fare il tifo per Arnaud Alessandria”.

Un ricordo indelebile, e che resterà tale per sempre, visto che per il neo imprenditore è stata la prima e ultima Olimpiade. È ora di voltare pagina”, afferma. “Con l’età che avanza preferisco concentrarmi sui miei progetti professionali”.

Anthony Rinaldi, a destra, e Rudy Rinaldi, a sinistra/©DR

La pescheria, la sua azienda, ma anche altre sorprese che Anthony Rinaldi preferisce per il momento non svelare. Una cosa è certa, sarà il primo a fare il tifo per la squadra di bob alle Olimpiadi Invernali 2026 di Milano. Come un eterno passaggio di testimone nella grande famiglia Rinaldi.