Pubblicità »
Info pratiche

Sole, onde ed escursioni: alla scoperta dei sentieri costieri

sentiero marittimo roquebrune
Il sentiero dei doganieri da Monaco a Roquebrune-Cap-Martin

Monaco Tribune vi consiglia tre sentieri da fare senza esitazione.

Se volete fare un po’ di sport sulla Costa Azzurra, perché non unire l’utile a dilettevole? Dopo le stazioni MonaMove, ecco un altro suggerimento della redazione: una passeggiata sui sentieri.

Pubblicità

Prendiamo ad esempio il Chemin des Douaniers, a Cap d’Ail, che unisce la spiaggia del Marquet a quella della Mala. È una passeggiata facile, accessibile a tutti, che si estende per oltre cinque chilometri, quindi prevedete 2 ore e mezza compreso il ritorno. La passeggiata è ideale da fare anche con i bambini o con il cane, visto che è quasi interamente pianeggiante e ha diversi cartelli per conoscere meglio la fauna e la flora che vi circondano.

sentiero marittimo cap d'ail monaco
Il sentiero costiero di Cap d’Ail – © Monaco Tribune

Mentre camminate in riva al mare potrete anche ammirare le onde che si infrangono sugli scogli. Attenzione: in caso di vento forte, alcune parti del sentiero potrebbero non essere accessibili.

Pubblicità »

Come arrivare: dal parcheggio della spiaggia Marquet, prendere il sentiero costiero che si snoda tra i grandi massi fino alla Pointe des Douaniers.

Dall’altra parte di Monaco, il Tour du Cap Martin, a Roquebrune, offre una passeggiata di 4,6 chilometri sul lungomare (calcolate due ore per andata e ritorno). Il sentiero è semplice e perfetto per le famiglie: potrete scoprire le splendide ville della costa mediterranea, come villa Cyrnos, abitata all’inizio del secolo dall’imperatrice Eugenia, moglie di Napoleone III, o il famoso “Cabanon” dell’architetto e urbanista “Le Corbusier”.

sentiero marittimo roquebrune monaco
Una facile passeggiata lungo la costa sul sentiero dei doganieri, tra Monaco e Roquebrune – © Monaco Tribune
Pubblicità »

Come arrivare: dalla stazione di Carnolès, raggiungere il lungomare, girare a destra e proseguire in direzione di Cap Martin. L’Avenue W. Churchill sarà sulla sinistra e conduce alla cima del promontorio.

Infine, per gli escursionisti più esperti, consigliamo il Tour de la Tête de Chien: un sentiero di 6,3 chilometri, ossia quattro ore di cammino, adatto a chi è in grado di scalare senza difficoltà alcune pareti rocciose. Per raggiungere l’osservatorio naturale del Mediterraneo, arroccato a 550 metri sul mare, dovrete infatti arrampicarvi. La vista mozzafiato su Monaco e la Costa Azzurra ne varrà la pena.

Come arrivare: dal parcheggio centrale di Cap d’Ail, salire il Chemin des Mimosas che si unisce alla Moyenne Corniche. Attraversarlo e risalire il “Chemin romain”, un piccolo vicolo cieco che costeggia un complesso residenziale. Attraversare la RD 37 un po’ più in alto e continuare la salita seguendo i segnali 611, 612, 602 e 603 lungo un sentiero che taglia la RD 37. Costeggiare le falesie della Loubière fino alla cima della Tête de Chien.

Camminare, il miglior modo per dimagrire

Qualunque percorso scegliate, i benefici per la salute sono innegabili. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, camminare può aiutare a combattere l’obesità e la sedentarietà, responsabili, solo in Europa, di un milione di morti all’anno. Vantaggio meno noto, ma altrettanto interessante, è che camminare (come andare in bicicletta) può contribuire a ridurre l’inquinamento atmosferico, causa di oltre mezzo milione di morti all’anno.

Ricordiamo che, sempre secondo l’OMS, camminare per 30 minuti quasi tutti i giorni riduce il rischio di mortalità di almeno il 10%, oltre a diminuire le possibilità di sviluppare malattie cardiovascolari o il diabete di tipo 2.

La nostra opinione

Paesaggi incantevoli, sole e salsedine… I sentieri costieri mantengono ciò che promettono. Guardate questo video per scoprire cosa ne pensiamo di quello di Roquebrune-Cap-Martin.