Pubblicità »
Reportage

I dipinti del Casinò di Monte-Carlo: tutti i segreti svelati

casinò monte carlo salle europe
Il Casinò di Monte-Carlo possiede un patrimonio artistico molto ricco - © Monte-Carlo SBM

Monaco Tribune è lieto di accompagnarvi in un tour di questi luoghi unici e svelarvi qualche piccolo aneddoto.

È una delle attrazioni turistiche più emblematiche del Principato. Il Casinò di Monte-Carlo, gioiello della Société des Bains de Mer e del suo patrimonio, colpisce per la facciata Belle-Epoque e per l’eleganza e la raffinatezza delle sue sale da gioco.

Pubblicità

All’interno dell’edificio, diversi occhi sembrano osservare giocatori e turisti. Sono i personaggi delle grandi tele colorate che adornano le pareti e i soffitti di questo sontuoso edificio. Gli artisti sono diversi e appartengono a un’epoca che va dal 1863 al 1910. Gli stili e le influenze si mescolano senza stonare, poiché tutte le opere sono legate dallo stesso filo conduttore: la figura femminile.

Charlotte Lubert, responsabile del patrimonio della SBM, ci ha invitati a fare un tour dell’edificio e a scoprire i segreti dei dipinti del Casinò.

Pubblicità »

La maestosa Salle Europe e il misterioso Salon Rose

La nostra visita inizia tra le mura accoglienti della Salle Europe, con il suo lounge bar e i primi tavoli da gioco. “Ogni sala, tranne la Salle Médecin, ospita diversi pittori. Qui, ad esempio, abbiamo Paul Steck, Pedro Ribera, Georges Picard e Félix-Hippolyte Lucas”, spiega Charlotte Lubert. Tutti questi artisti francesi, premiati per il loro lavoro, sono stati accuratamente selezionati da Marie Blanc, donna rinomata in tutto il mondo per il suo gusto artistico e la sua raffinatezza.

Tutti gli otto dipinti rappresentano una donna, ma non solo, sono anche un’allegoria della natura. “Ai lati dell’ingresso, Steck ha dipinto la Raccolta delle arance e la Passeggiata sul mare. (…) Questi dipinti risalgono al 1898, quando la Sala fu ristrutturata per l’ultima volta”, spiega Charlotte Lubert.

casino monte carlo steck raccolta arance
La Raccolta delle arance, Paul Steck – © Monte-Carlo SBM

Di fronte, L’Autunno e La Primavera (1889) di Georges Picard, accolgono i visitatori che accedono alle altre sale del Casinò.

Pubblicità »

Nel lounge bar, vicino al prestigioso ristorante Le Train Bleu, Félix-Hippolyte Lucas ci accompagna in una passeggiata sulle Alpi e in riva al mare.

casino monte carlo alpinismo riva al mare
L’Alpinismo (a sinistra) e Corteggiamento in riva al mare (a destra), Félix-Hippolyte Lucas – DR

Alzando lo sguardo, ai lati dell’imponente tetto di vetro si possono ammirare altre due opere del pittore: una è un’allegoria della pittura, l’altra della musica. Se si osserva attentamente la tela sopra il bar, si può scorgere un medaglione con raffigurato l’architetto Henri Schmit, che alla fine del XIX secolo ha diretto le opere architettoniche della SBM.

Dall’altro lato, le opere di Ribera decorano l’ingresso del Salon Rose: la Battaglia di fiori e Sulle terrazze. “Qui la donna assomiglia più a una Pompadour, il che è piuttosto divertente per l’epoca. Dopotutto siamo nella Belle Epoque, sotto Napoleone III”, commenta la responsabile del Patrimonio.

casino monte carlo terrazze battaglia fiori
La battaglia dei fiori (a sinistra) e Sulle terrazze (a destra), Pedro Ribera – DR/© Monte-Carlo SBM

Ed è proprio nel Salon Rose, ristorante che ricorda un piccolo e affascinante boudoir, che continuiamo la nostra visita. Costruito nel 1903, fu originariamente utilizzato come sala fumatori. Ecco perché l’ampio soffitto è decorato con tinte marroni, per nascondere le nuvole di fumo. Ma questo soffitto nasconde anche un segreto piuttosto… insolito!

“Conosciamo tutti la Gioconda, con il suo sguardo misterioso che ci segue mentre ci muoviamo”, dice Charlotte Lubert. “Ebbene, anche noi abbiamo la nostra Monna Lisa”.

Forse è lo sguardo innocente dell’angioletto o quello più lussurioso delle Fumatrici dipinte dall’italiano Massimiliano Gallelli? Non esattamente. Sono le natiche del cherubino che ci dà le spalle. “Ovunque vi troviate nella stanza, le natiche puntano nella vostra direzione”, ci rivela Charlotte Lubert.

Pubblicità »
casino monte carlo fumatrici
Le Fumatrici, Massimiliano Gallelli – © Monte-Carlo SBM

Una volta terminati i controlli di routine, torniamo nella Salle Europe, dove ci accorgiamo degli “occhi di bue”, ormai chiusi, che servivano a osservare la sala con discrezione. “Oggi abbiamo le telecamere di sorveglianza, ma all’epoca Camille Blanc [il figlio di François Blanc, fondatore della SBM, ndr] amava nascondersi lì per osservare ciò che accadeva. Osservava i dipendenti e i giocatori e poteva vedere senza essere visto”, ci racconta sorridendo la responsabile.

casino monte carlo occhio di bue salle europe
Era attraverso questi “occhi di bue” che Camille Blanc osservava il suo Casinò – © Monte-Carlo SBM

La suggestiva Salle des Amériques e la discreta Salle Blanche

Passiamo ora alla Salle des Amériques, progettata e costruita dal famoso Charles Garnier, che ci sorprende per la sua atmosfera più moderna rispetto alle sale precedenti. E a buon ragione: sebbene sia stata costruita nel 1881, le opere d’arte che vi sono esposte sono delle copie, dato che gli originali sono purtroppo andati distrutti negli anni ’60.

casino monte carlo salle ameriques
La Salle des Amériques è stata progettata da Charles Garnier – © Monte-Carlo SBM

Nel 1969, la sala ospitò il Bal des Têtes per celebrare l’inaugurazione della sua nuova veste. Al ballo parteciparono famose celebrità, vestite con cappelli e maschere stravaganti. Le maschere scolpite sul soffitto, invece, rappresentano le quattro stagioni.

Il grande fermento, passato e presente, contrasta con l’elegante Salle Blanche di fianco

Costruita nel 1903, questa sala luminosa ed essenziale che si affaccia sul mare non è sempre stata aperta ai giocatori. In origine, era qui che gli accompagnatori venivano a rilassarsi, in attesa di chi preferiva godersi le gioie del tappeto verde. Questa ex sala di lettura è dominata da un’enorme tela che ritrae tre donne nude che danzano: sono le “Grazie fiorentine“, immortalate dal pittore Paul Gervais.

Pubblicità »
casino monte carlo grazie fiorentine
Les Grazie Fiorentine, Paul Gervais – © Monte-Carlo SBM

Al posto delle dee della mitologia greca – Aglaia, Eufrosine e Thalia – sono ritratte le “socialite” di Monte Carlo: Liane de Pougy, Emilienne d’Alençon e la famosissima Belle Otéro.

“Il dipinto fu uno scandalo all’epoca. La gente non era abituata a vedere questa nudità”, afferma Charlotte Lubert. I corpi, infatti, non sono né velati né nascosti, sono completamente nudi, conservando comunque grazia e femminilità.

Le divertenti Salles Touzet e la rilassante Salle Médecin

La visita prosegue nelle Salles Touzet (dal nome del loro architetto), o Salles Jumelles (Stanze Gemelle), annunciate da una strana figura a mosaico di Facchina nel vestibolo (ex vestibolo di conversazione) che apre il passaggio alle stanze private.

casino monte carlo mosaico
Mosaico, Gian Domenico Facchina – © Monte-Carlo SBM

Le due Salles Touzet, riccamente decorate, sono perfettamente simmetriche e sembrano identiche, tranne che per alcuni dettagli.

A cominciare dalle vetrate sul soffitto, dove i due “1889”, data di costruzione della Sala, non si riflettono. Queste vetrate sono state realizzate dalla Maison Prestat et Cie di Parigi e sono semplicemente invertite.

casino monte carlo tetto salles touzet
Vetrate della Maison Prestat et Cie de Paris – © Monte-Carlo SBM

Continuando a guardare il soffitto, si scorgono anche sei ritratti femminili (tre per lato) nelle vetrate. Anche se tutte le donne sembrano impassibili, in realtà dovrebbero rappresentare emozioni diverse.

Pubblicità »
casino monte carlo vetrate sala touzet
Le vetrate ornano le pareti delle Salles Touzet – © Monte-Carlo SBM

Più in basso, i dipinti decorano le pareti e richiamano ancora una volta la natura. Fiori, alberi, fiumi, ma anche pavoni, uccelli e cigni accompagnano le giovani donne sulle tele dei pittori Charles Monginot, Tony Faivre e Léon Hodebert.

casino monte carlo giovane donna gioca cigni
Giovani donne che giocano con i cigni, Léon Hodebert – © Monte-Carlo SBM

Una fatto sorprendente? Una delle pareti presenta anche… un orologio! “Di solito nei casinò non ci sono orologi, perché lo scopo è far perdere ai giocatori la cognizione del tempo e giocare di più. Ma qui ce n’è uno, perché all’epoca era importante che i giocatori non perdessero l’ultimo treno per tornare a casa”, spiega Charlotte Lubert.

casino monte carlo orologio salle touzet
L’orologio permetteva ai giocatori di non perdere l’ultimo treno – © Monte-Carlo SBM

Ed è proprio il tempo il protagonista della prestigiosa e ultima sala: la Salle Médecin, riservata ai più grandi giocatori del Casinò. Qui si svolgono anche la maggior parte delle competizioni e dei tornei, sia per i giocatori che per i croupier.

Realizzata nel 1910, la Salle Médecin è l’unica sala progettata da un architetto monegasco, da cui prende il nome.

Alle pareti, le opere di un solo pittore, Armand Segaud, che illustra i diversi momenti della giornata: mattina, mezzogiorno, sera e notte.

Pubblicità »
casino monte carlo mezzogiorno
Mezzogiorno, Armand Segaud – © Monte-Carlo SBM

I bassorilievi sono invece opera di Emile Peynot. Troviamo, a specchio, il dio greco del sole, Helios, che guida la sua squadra di cavalli, e sua sorella Selene, dea della luna, sul suo carro trainato da buoi. Anche il soffitto, dove volano angeli e fanciulle, è stato realizzato da Armand Segaud e ci invita a perderci in questo paradiso.

Ed è su quest’ultima nota poetica che si conclude la nostra visita al Casinò di Monte-Carlo. Un luogo storico che fa sognare giocatori e visitatori.