Tornato all’AS Monaco dopo il successo della scorsa stagione al Cercle Brugge (25 partite, 1 gol, 3 assist), il ventenne Giulian Biancone intende continuare la sua ascesa. Ritratto di un giovane terzino destro con una carriera atipica.

Giulian Biancone ha trovato rifugio sulle rive del Reie, nel Belgio occidentale, in mezzo a strade ciottolate e palazzi medievali. A Bruges, città spesso soprannominata la “Venezia del Nord” per i suoi numerosi canali, il nativo di Sainte-Maxime, una città che si affaccia sul Golfo di Saint-Tropez, ha posato le sue valigie per una stagione, con l’obiettivo di fare esperienza in un mondo familiare*. La scommessa è stata un successo.

Giulian Biancone e il Cercle Bruges, matrimonio di convenienza

“Ho avuto una grande stagione con un club ben strutturato e con una buona infrastruttura, che mi ha permesso di giocare più partite e di migliorare durante tutta la stagione”, ha detto il terzino destro, che ha approfittato del suo tempo in Belgio per imparare da calciatori più esperti. “Il campionato belga è ancora sottovalutato in Francia, perché nessuno ne conosce il livello. Ma ci sono alcune squadre molto buone, con calciatori molto bravi, che spesso finiscono in Premier League o in Bundesliga. Ciò si può anche vedere con la squadra nazionale, la maggior parte dei cui calciatori provengono dalla Jupiler Pro League. Come difensore di destra, sono stato sulla cresta dell’onda per tutti i mancini del campionato, che spesso sono calciatori veloci e tecnicamente forti. Quando sono arrivato, sono stato veramente scioccato,” racconta il giovane calciatore. Anche se i primi giorni sono stati lenti, il resto della stagione lo è stato molto meno, con un cambio di allenatore (il tedesco Bernd Storck è arrivato durante la stagione prima di essere sostituito quest’estate dall’inglese Paul Clement) e una serie di partenze, oltre a tre assist, che gli hanno permesso di finire come miglior passatore della sua squadra e di dare un contributo importante per mantenere il Cercle Brugge in serie A. “Abbiamo giocato cercando di mantenere il livello per tutta la stagione, ma alla fine siamo riusciti a salvarci a due giorni dalla fine. Il cambio di allenatore durante la stagione ci ha fatto bene. Ci ha aiutato a progredire nel gioco, collettivamente e individualmente,” spiega Biancone.

Giulian Biancone / Cercle Bruge

Paragonato a Benjamin Pavard per “la sua intelligenza di gioco e la sua tecnica”

L’internazionale francese Under-19 ha fatto notevoli progressi, che gli hanno permesso di tornare al Monaco quest’estate con un nuovo status. “Sono molto felice di essere tornato con i professionisti. È davvero gratificante essere tornato con alcuni dei miei compagni di squadra che ho incontrato al centro di allenamento due anni fa,” dice Biancone. Prima che Biancone partisse per il Belgio, Frédéric Barilaro, il suo ex allenatore dell’Under-19, amava paragonarlo a Benjamin Pavard per la sua “intelligenza di gioco e tecnica”, qualità che aveva dimostrato quando aveva avuto l’opportunità di giocare in prima squadra sotto Thierry Henry. “Stavo arrivando alla fine del mio contratto, mi mancava solo un anno per dimostrare il mio valore”, ricorda. “Durante la stagione, Thierry Henry ha dovuto chiamare un terzino destro per rimediare alla carenza di infortuni e mi ha chiamato,” aggiunge Biancone. Come se fosse immerso in una fiaba, il diciottenne si è trovato al Wanda Metropolitano davanti a quasi 60.000 persone in una partita di Champions League contro l’Atletico Madrid (Monaco era stata sconfitta 2-0). Qualche settimana dopo, quando il Monaco, già in gravi difficoltà in campionato, si è trovato in parità con il Lorient negli ottavi di finale della Coppa di Lega, Giulian Biancone, nei panni del salvatore, ha tirato a sangue freddo dal bordo dell’area di rigore, assicurando al Monaco i quarti di finale. “È stato un momento molto speciale per me”, dice l’ex centro-back, che ora è stato promosso all’Under-19 da Frederic Barilaro. “Per me è stato molto difficile da realizzare. L’ho preso come un bonus. Ho dei ricordi meravigliosi,” spiega Biancone.

Sostituto di Ruben Aguilar da questa stagione?

Proveniene da una famiglia di sportivi: “mia madre era una nuotatrice, mio padre un giocatore di rugby, mia sorella un cavallerizzo e mio fratello un calciatore”. Giulian ha firmato il suo primo contratto all’età di 5 anni all’AS Maximoise, prima di partire qualche anno dopo per l’Étoile Fréjus/Saint-Raphaël, un club leader regionale. Dall’Under-12 all’Under-15, il monegasco d’adozione ha giocato sul campetto locale ma si è confrontato con i migliori calciatori della sua generazione. Il suo percorso attira l’attenzione degli scout del Monaco, che non sono indifferenti al talento del giovane. “Fin da quando ero molto giovane non ho pensato ad altro che al calcio. Vivo per questo”, dice. “Non riuscivo a vedermi fare nient’altro. Così quando il Monaco mi ha contattato…” All’età di 15 anni è stata lanciata l’avventura nel Principato. Giulian Biancone è venuto a Monte-Carlo con i sogni in testa. “Il mio obiettivo è sempre stato quello di vincere a Monaco. Voglio avere successo con questo club. Non ho altra via d’uscita,” dice. Dopo una stagione promettente a Brugge e l’arrivo del nuovo allenatore Niko Kovac, il difensore promettente ha le carte in mano per vincere questa stagione nella rotazione. Ma la concorrenza promette di essere feroce, con la presenza di Ruben Aguilar e quella ancora incerta di Djibril Sidibé, tornato dopo un periodo di prestito all’Everton. “Le prossime settimane saranno decisive per lui”, ha detto Frédéric Barilaro, che è stato all’origine della sua sostituzione sulla destra e che lo ha avuto sotto il suo comando per due stagioni nella squadra a 19 uomini. “Giulian ha il potenziale per farsi un nome qui. È alto (1m87), potente, veloce. Ha ancora bisogno di fare ulteriori progressi in difesa, cosa che è riuscito a fare con il Cercle Brugge la scorsa stagione, pur mantenendo le sue qualità di attaccante e la sua capacità di ripetere lo sforzo”, dice l’allenatore dell’ASM Under-19. “Giulian è un ottimo esempio per la squadra, che è riuscita a far rotolare la palla al momento giusto, nonostante un percorso non necessariamente semplice. Questo è un vero vantaggio per noi. Nella vita è un ragazzo fantastico, con la testa a posto (durante la nostra intervista, prevista per le 12.30 di mercoledì scorso al campo WSA in Polonia, Giulian è arrivato in anticipo, già pronto a rispondere alle nostre domande, n.d.r.). “Secondo me, ha tutte le qualità per avere successo in Ligue 1,” dice Frédéric E anche per affermarsi come il fiore all’occhiello della scuola monegasca?

Giulian Biancone

* L’AS Monaco è proprietario del Cercle Bruges dal maggio 2017.