Per Adrien e Laurent Gannac, i limoni sono un affare di famiglia. Il duo padre figlio gestisce La Maison du Citron, un’azienda che segue tutta la filiera degli agrumi, dagli alberi di limoni al limoncello. Adrien Gannac non si sarebbe mai aspettato di prendere le redini dell’impresa di famiglia, ma adesso che è parte della sua vita ha un obiettivo ben preciso: portare le loro tradizioni nel XXI secolo.

Adrien Gannac è nato nel 1991, l’anno in cui suo padre ha piantato il primo albero di limoni a Mentone. A parte questa coincidenza, Adrien non aveva mai pensato di voler continuare la tradizione di famiglia, fino ai suoi 29 anni.

Dopo aver studiato economia a Nizza e a Parigi, il ragazzo vola all’estero: prima in Olanda, per un tirocinio, e poi in Nuova Zelanda. Ma più si allontana, più sente la nostalgia di casa. “Non mi piaceva l’idea di lavorare per una grossa azienda. Volevo fare parte di un progetto che mi appassionasse”, afferma.

Un forte legame tra padre e figlio

Le imprese di famiglia a volte possono rivelarsi una pessima idea, ma per i Gannac è stata una vera fortuna. “Sia io che mio padre non potremmo desiderare socio migliore. Ci capiamo alla perfezione, ci rispettiamo, ma abbiamo anche bisogno l’uno dell’altro”, ha affermato Adrien.

A guidarli è la passione condivisa per il lavoro: “È bello sapere che il tuo socio in affari è disposto quanto te a sacrificare tempo, vita privata e denaro per il progetto”, confessa Adrien. Ma dovranno pur esserci delle differenze. “Siamo complementari. Mio padre prepara il terreno, installa il sistema di irrigazione, pianta gli alberi di limone e li coltiva. Io mi occupo del lato imprenditoriale dell’azienda”, ci spiega.

L’agricoltura sbarca nel XXI secolo

La Maison du Citron è una delle tre aziende ad aver ricevuto il riconoscimento Graines D’Agriculteurs 2020, che premia l’eccellenza nel campo dell’agricoltura sostenibile. Il tema della competizione, comunicazione e pedagogia, ha attirato particolarmente l’attenzione di Adrien: “Ho iniziato a utilizzare una piattaforma digitale per condividere il nostro lavoro a livello nazionale e internazionale”, spiega il giovane imprenditore. Il duo padre figlio adesso posta utili tutorial, tra cui un video di Laurent Gannac, che ha raggiunto le 20.000 visualizzazioni su YouTube, in cui spiega come piantare un albero di limone. Secondo Adrien, il mondo dell’agricoltura deve tenersi al passo con la tecnologi: “La nuova generazione dà internet per scontato, ma nel settore agricolo non stiamo ancora sfruttando le sue infinite possibilità”, confessa.

Per mio padre, gli alberi sono come esseri umani

La qualità prima di tutto

Dal lunedì al venerdì l’agrumeto è aperto al pubblico così da poter condividere i valori dell’azienda, una questione che sta particolarmente a cuore a Laurent Gannac. Nel 2015, La Maison du Citron si è guadagnata il marchio IGP, seguito nel 2016 dalla certificazione di prodotto biologico, il risultato di una vera passione per l’agricoltura sostenibile. “Per mio padre, gli alberi sono come esseri umani. Non venderebbe mai un albero a qualcuno che non sia in grado di prendersene cura”, spiega Adrien.

La squadra de La Maison du Citron conta 11 dipendenti, tutti con lo stesso obiettivo: passare da 300 a 1.000 alberi in due anni. Nei loro negozi a Nizza e ad Antibes vendono gelatina di limone, limoncello, limoni canditi e chi più ne ha più ne metta. Il Principato oggi non è più la terra dei limoni di un tempo, ma speriamo che in futuro, dopo Mentone, Nizza e Antibes, anche Monaco avrà l’onore di ospitare questa incredibile azienda.

Traduzione a cura di Valentina Alia