La squadra femminile dell’AS Monaco Volley-ball si è appena confermata nell’élite (seconda divisione nazionale) e sta vivendo le ore più felici della sua storia. Purtroppo però la felicità ha avuto vita breve, perché la squadra è piombata in una situazione drammatica che, se non si trova in fretta una soluzione, potrebbe causare la sua scomparsa in poco tempo.

Certo, non sono mancati i sorrisi, un attimo di felicità in una stagione difficile. Ma anche se le giocatrici della Rocca hanno compiuto un’impresa straordinaria, confermandosi in secondo divisione dopo la rimonta storica dell’anno scorso, la sfida più ardua per l’AS Monaco Volley-ball, squadra emblematica del Principato dal 1952, deve ancora arrivare.

Abbiamo vissuto una stagione terribile.

Gilles Brillant, Presidente dell’AS Monaco Volley-ball.

“Abbiamo vissuto una stagione terribile”, ci ha confidato il Presidente dell’AS Monaco Volley-ball, Gilles Brillant, riferendosi alle misure sanitarie che hanno costretto la squadra a chiudere le iscrizioni da ottobre 2020 e a giocare le partite in casa a porte chiuse. “Abbiamo vissuto una stagione che si è conclusa con un nulla di fatto, senza incassare neanche la minima quota di tesseramento, nonostante i campionati delle nostre prime squadre (maschili e femminili) non si siano fermati. La crisi ci ha fatto perdere gli sponsor e le nostre sovvenzioni hanno subito un calo”, si rammarica. “Se non troviamo delle soluzioni a breve, non ci sarà più una direzione a capo della squadra. Tutti i dirigenti e i volontari sono esausti”.

L’AS Monaco Volley-ball, prima squadra femminile del Principato

Nonostante la maggior parte dei campionati amatoriali e semi agonistici delle altre discipline è stata sospesa o definitivamente soppressa, l’élite dell’AS Monaco Volley-ball ha lottato per tutta la stagione. La squadra femminile, in particolare, ha dovuto affrontare lunghe trasferte in ogni angolo della Francia con un budget ridotto, il più basso di tutto il paese in questa categoria.

Gilles Brillant, presidente dell’AS Monaco Volley-ball.

“Le ragazze si sono impegnate tantissimo, così come i ragazzi, che hanno rappresentato in modo encomiabile il Principato per tutta la stagione. Ma ormai ci è rimasto pochissimo tempo per trovare le risorse necessarie in questo periodo complicato, in cui le aziende si preoccupano prima di tutto di salvare i loro dipendenti”. Nonostante diversi appelli velati al Governo, l’AS Monaco Volley-ball non ha ricevuto alcuna risposta.

Un incontro decisivo con Stéphane Valeri

“Le nostre ragazze hanno raggiunto una categoria superiore, ma le sovvenzioni sono molto più basse rispetto a quelle delle altre discipline”, afferma Gilles Brillant. “Siamo stati dimenticati, nonostante la pallavolo sia lo sport di squadra più praticato nelle scuole”. Già privato di gran parte delle sue entrate da oltre due anni, dopo la soppressione delle strutture di Beach Volley sulla spiaggia del Larvotto, che rappresentava “la quasi totalità dei nostri incassi”, l’AS Monaco Volley-ball, che all’epoca contava quasi 530 tesserati, potrebbe non rimettersi in piedi dopo questa stagione difficile.

Ci hanno fatto tante promesse, ma nessuna è stata mantenuta…

Gilles Brillant, Presidente dell’AS Monaco Volley-ball.

“Non è stato possibile praticare gli sport al chiuso tutto l’anno. La nostra squadra femminile è riuscita a mantenersi ma non è sicuro che ce la farà l’anno prossimo. Viviamo nell’incertezza e non c’è niente di serio all’orizzonte. Ci hanno fatto tante promesse, ma nessuna è stata mantenuta…” Nell’attesa di un incontro con il Presidente del Consiglio Nazionale di Monaco, Stéphane Valeri, per trovare una soluzione quanto prima, i volontari continuano a lavorare sodo per reperire dei partner. La sopravvivenza dell’AS Monaco Valley-ball è appesa a un filo.

>> LEGGI ANCHE: EuroCup 2021: il Roca Team conquista il titolo