Un progetto controverso, ostacolato dai timori dei residenti locali e delle associazioni ambientaliste. L’hotel The Maybourne Riviera dovrebbe aprire i battenti durante l’estate 2021.

Anni di lavori e polemiche

La natura ambiziosa dell’opera e la tecnicità degli edifici non bastano a giustificare i tempi biblici di realizzazione di questo progetto. Tra le sfide da affrontare ci sono stati procedimenti legali che hanno ritardato l’avvio del cantiere.

L’edificio è situato in zona Natura 2000 e i residenti delle aree circostanti e le associazioni ambientaliste hanno subito puntato il dito contro la sua pericolosità per la fauna locale, in particolare per volatili e rettili, e anche per la tenuta della scogliera che sovrasta il quartiere di Bon Voyage di Roquebrune-Cap-Martin.

I dubbi avanzati sono stati poi supportati da una prima frana avvenuta nel 2005, evento che ha spinto una residente di Roquebrune, che vive proprio sotto l’hotel, a portare il caso davanti al Tribunale di Grande Istanza di Nizza per un procedimento sommario.

La licenza edilizia era stata definitivamente approvata alla fine del 2017, con obbligo però di fare degli interventi di consolidamento della scogliera prima di iniziare i lavori dell’hotel.

Travel Club Monaco
Il vecchio Vista Palace Hotel di Roquebrune-Cap-Martin © Commons

Sei anni di lavoro per una totale trasformazione

Acquistato nel 2014 dall’ex-emiro del Qatar e proprietario del PSG Hamad bin Khalifa al-Thani, il vecchio Vista Palace ha subito una vera e propria metamorfosi, guadagnando il 30% di superficie supplementare.

Un cantiere particolarmente tecnico perché le 20 nuovissime camere dell’hotel sono state costruite direttamente sulla scogliera. Sono state quindi create quattro “camere grotta”, realizzate su lastre di cemento inserite nella roccia, che accompagnano le 15 nuove suite lusso che sovrasteranno il territorio del Principato. Questo residence di lusso, che dovrebbe creare da 110 a 130 posti di lavoro, offre una spa con piscina interna e una “infinity pool” all’esterno.

Un’offerta culinaria particolarmente elaborata

Oltre alla vista mozzafiato sulla baia di Monaco e al lusso di un hotel che punta alla fascia più alta del mercato, i nuovi proprietari vogliono rendere The Maybourne Riviera una tappa gastronomica irrinunciabile della Costa Azzurra.

I futuri clienti avranno quindi la fortuna di assaggiare le creazioni di due chef stellati di fama internazionale: Mauro Colagreco, chef stellato del miglior ristorante al mondo, e George Vangerichten, chef alsaziano già proprietario di diversi locali in giro per il mondo.

E tu cosa ne pensi di questo progetto? Dicci la tua sul nostro gruppo Facebook Monaco : C’est à vous ! o per email.