Pubblicità »
Info pratiche

Diventare lavoratore stagionale a Monaco? La nostra guida pratica

casino di monte carlo
Monaco Tribune

La Société des Bains de Mer sta assumendo 700 lavoratori stagionali per il periodo che va da aprile a ottobre. Sophie Vincent, Direttrice delle Risorse Umane del gruppo SBM, ha condiviso con noi qualche consiglio per tutti coloro che cercano un lavoro estivo a Monaco.

Quali professioni servono?

Con i suoi quattro hotel, trenta ristoranti e bar, il settore balneare, le terme marine e i casinò, la Société des Bains de Mer assume attivamente in svariati settori. “Alla SBM abbiamo la fortuna di avere svariate professioni e questo ci permette di ampliare il nostro spettro di ricerca”, spiega Sophie Vincent, aggiungendo che la durata dei contratti può essere adattata secondo le disponibilità dei candidati.

Pubblicità

In particolare, sono tre i settori più richiesti, con una lista, non esaustiva, delle posizioni richieste:

  • Ristorazione: commis di cucina, camerieri, barman, cuochi
  • Ospitalità: donne e uomini delle pulizie, portieri, receptionist, personale room-service, fattorini
  • Balneare e benessere: bagnini, animatori BAFA per mini club, personal trainer, hostess di accoglienza
Sophie Vincent, Direttrice delle Risorse Umane del Gruppo Monte-Carlo SBM © Direzione della comunicazione / Stéphane Danna

È necessaria esperienza per fare domanda?

A seconda dei ruoli, si accettano anche profili senza esperienza, ma nei criteri di selezione vige un aspetto fondamentale: “diamo molta importanza alla competenza sociale. La nostra clientela è molto esigente, è una clientela internazionale. Chi non ha necessariamente le competenze tecniche, ma ha un atteggiamento impeccabile, mostra empatia, sa esprimersi bene, si presenta in modo eccellente e parla anche una o due lingue straniere può essere formato”.

Pubblicità »

A partire dai 18 anni e senza limiti d’età, se siete ben motivati e avete familiarità con il concetto di competenza sociale potete quindi tentare la vostra fortuna. Tutte le nazionalità sono le benvenute, anche se per la maggior parte dei ruoli è importante saper parlare francese. “Monaco è cosmopolita e possono esserlo anche i suoi lavoratori”, commenta Sophie Vincent.

Come candidarsi con la SBM?

Dopo le prime due sessioni di assunzioni a dicembre scorso, è in programma un terzo incontro sabato 26 febbraio dalle 9:30 alle 18:30 al One Monte-Carlo. “L’obiettivo è anticipare tutte le esigenza di assunzione che possiamo avere per la stagione proponendo colloqui diretti. Quel giorno i manager saranno impegnati nel ricevere i candidati”, ha precisato Sophie Vincent.

Per un colloquio di successo, sono indispensabili il CV, una lettere di presentazione e abbigliamento professionale: “È il primo incontro che avranno con noi e abbiamo già determinate esigenze. I candidati lavoreranno in strutture di lusso, in cui l’abbigliamento e l’atteggiamento sono molto importanti. Bisogna mostrare di essere determinati e tenere a mente che sono professioni impegnative, che richiedono una certa resistenza. Sono lavori che possono spesso impegnare il fine settimana e la sera”.

Pubblicità »

Per chi non potrà essere presente alla sessione del 26 febbraio, è possibile candidarsi direttamente inviando il CV e la lettere di presentazione all’indirizzo recrutement@sbm.mc.

LEGGI ANCHE: I settori che assumono di più a Monaco? Ecco quali sono

Pubblicità »

LEGGI ANCHE: Perché i francesi continuano a lavorare a Monaco?

Perché scegliere la SBM?

L’avrete ormai capito, fare domanda per lavorare alla Société des Bains de Mer richiede una certa sensibilità per l’eccellenza. Ma al di là delle sfide, queste professioni offrono anche ottimi vantaggi. Secondo Sophie Vincent: “La Société des Bains de Mer è un ottimo biglietto da visita. Averla nel CV è un asso nella manica! Possiamo anche richiamare gli stagionali con cui ci siamo trovati bene per la stagione successiva, o assumerli con contratto annuale a seconda delle disponibilità. (…) È un’azienda magnifica, da cui possiamo trarre tantissimi vantaggi in termini di formazione ed esperienza, ma parliamo di professioni anche molto impegnative che richiedono concentrazione”.