Pubblicità »
Pubblicità »
Servizio

Chiusura temporanea del McDonald’s di Fontvieille

mcdonald's fontvieille-compressed
©Monaco Tribune

Nelle prossime settimane, il fast food situato nel centro commerciale di Fontvieille effettuerà importanti lavori.

Pubblicità

Dal 13 al 25 marzo, il locale resterà chiuso al pubblico. All’interno, saranno soprattutto le cucine a subire dei cambiamenti. “McDonald’s sta standardizzando le sue cucine in tutto il mondo. Vogliamo preparare i menù per ogni cliente e non più in anticipo”, spiega Siegfried Cladel, Direttore Generale di McDonald’s.

Piatti e bicchieri riutilizzabili e servizio al tavolo

A poche settimane dalla loro introduzione, e come il 95% dei ristoranti francesi dell’azienda, il McDonald’s di Monaco si sta dotando di stoviglie riutilizzabili, che saranno introdotte non appena il ristorante riaprirà. “Per farlo, dobbiamo anche installare una nuova lavastoviglie in cucina, adatta a questo tipo di stoviglie, in modo da poterle riutilizzare più volte al giorno”, continua il direttore. Solo il takeaway non sarà interessato da questo cambiamento.

© Monaco Tribune

All’interno del ristorante dovrebbe essere istituito anche il servizio al tavolo. Introdotto dal franchising già dal 2017, questo servizio non poteva essere applicato prima a Fontvieille: “Si tratta di cambiamenti che variano a seconda del locale e della sua ubicazione. Nel 2017 c’era già la prospettiva di un nuovo centro commerciale a Fontvieille, previsto per il 2023. Le scadenze sono state ritardate e così anche l’introduzione di questi servizi da parte nostra, non sapendo cosa ne sarebbe stato di McDonald’s nel nuovo centro commerciale”, racconta il Direttore Generale.

Per quanto riguarda la terrazza e la sala interna, non sono previsti cambiamenti. Citiamo anche le lamentele di alcuni clienti sulla pulizia dei tavoli, soprattutto quelli della terrazza. Siegfried Cladel ci assicura che “vengono puliti più volte all’ora”. “Capisco che possano esserci esperienze diverse, ma il nostro staff ci fa attenzione. Ci sono ancora margini di miglioramento, come in ogni locale”, conclude.