Pubblicità »
Intervista

INTERVISTA. Per i 10 anni di presidenza di Dmitri Rybolovlev, Laurent Maire ha ripercorso con noi il viale dei ricordi

AS-Monaco-Rybolovlev
AS Monaco

In vista dell’ultima partita dell’anno, che si giocherà mercoledì sera (ore 21:00) al Louis II contro lo Stade Rennais, abbiamo fatto due chiacchiere con il presidente del Club dei tifosi dell’AS Monaco.

Questa partita contro il Rennes avrà un sapore particolare: sarà l’occasione per festeggiare il decimo anniversario da presidente di Dmitri Rybolovlev. L’AS Monaco ha pubblicato un video per ripercorrere i momenti salienti dei suoi primi dieci anni

Pubblicità

Abbiamo colto l’occasione per fare due chiacchiere con Laurent Maire su quest’ultimo decennio di presidenza, tra ricordi indelebili e speranze per il futuro.

Cosa farete questo mercoledì al Louis II per celebrare il decimo anniversario della presidenza di Dmitri Rybolovlev?

Abbiamo collaborato con gli Ultras di Monaco per portare la gente allo stadio. In questa partita contro il Rennes saranno presenti i tredici fan club dell’AS Monaco. Noi ci siamo occupati del viaggio e il club dei biglietti. Ci saranno circa un centinaio di tifosi nella tribuna Pesage.

Pubblicità »

È l’occasione per ringraziare i tifosi che arrivano da tutta la Francia e che sostengono il club in ogni trasferta. Durante la partita, sarà anche assegnato il trofeo per il miglior giocatore di questa prima fase, scelto dal Club dei tifosi dell’AS Monaco. Ci saranno anche degli striscioni per ringraziare il presidente e un nuovo coro per rendere omaggio ai nostri fan club.

Che ricordi hai di questi ultimi dieci anni?

La pandemia di Covid-19 ha purtroppo rovinato le ultime stagioni, soprattutto in tribuna, lasciando lo stadio un po’ vuoto. Ma non ci dimentichiamo di certo dei bei momenti, dalla vittoria del campionato di Francia nel 2017, all’epica avventura della Coppa Europa. C’è stata anche la promozione dalla Ligue 2 (sorride).

Laurent Maire CSM
Laurent Maire, presidente del Club dei tifosi di Monaco © Romain Boisaubert / Monaco-Tribune

Raramente ho visto il Louis II così scalpitante

Pubblicità »

Qual è il tuo ricordo più bello?

Ne ho un bel po’ (sorride). Ma direi che è l’atmosfera in Champions League contro il Manchester City (vittoria per 3-1). Lo avevamo già sperimentato contro il Real Madrid nel 2004 (vittoria per 3-1). Ma questa volta è stato davvero incredibile. Raramente ho visto il Louis II così scalpitante.

La trasferta più bella?

Ne ho parlato proprio di recente. È stata quella a Dortmund (vittoria 2-3). Che io mi ricordi, non avevo mai visto così tanti tifosi monegaschi a una partita. Il corteo per raggiungere lo stadio è stato impressionante. C’erano tifosi a perdita d’occhio. A perdita d’occhio! (Insiste) È stata una partita indimenticabile.

Come vi siete sentiti quando il club è retrocesso in Ligue 2?

L’abbiamo vissuta male, ovviamente. Ma con il senno di poi, è stato un male necessario. La situazione era pessima prima dell’arrivo di Dmitri Rybolovlev, e anche se fossimo rimasti (in Ligue 1), non sarebbe cambiato nulla. La retrocessione era lì che ci aspettava.

Pubblicità »

Come ha fatto il Club dei tifosi a superare questo periodo difficile?

È stato un periodo complicato all’inizio, ma alla fine abbiamo fatto due grandi stagioni. Era un altro mondo, il calcio vero, senza star. Le trasferte sono cambiate, non erano più Parigi, Marsiglia, Lione, Bordeaux, Saint-Etienne, ma Clermont-Ferrand, Boulogne-sur-Mer o Istres (sorride).

Abbiamo uno dei migliori centri di formazione della Francia

In questi dieci anni, la squadra ha formato molti giocatori come Kylian Mbappé. Cosa ne pensi della formazione monegasca?

Abbiamo uno dei migliori centri di formazione della Francia. Basti vedere tutti i giocatori che si sono allenati nell’AS Monaco e hanno indossato la maglia della nazionale francese. È sempre motivo di orgoglio vedere un giocatore del centro di formazione arrivare nella squadra per eccellenza. Ed è così che il club vuole lavorare in futuro.

Di quale giocatore hai il ricordo più bello?

Pubblicità »

Non mi affeziono particolarmente ai giocatori, perché sono solo di passaggio. Non sono fan di nessun giocatore. Ma se dovessi sceglierne uno, sarebbe Andrea Raggi. È un giocatore che non ha mai deviato dalla sua linea di condotta. Era una persona alla mano con un animo da leader. Aveva una formazione italiana all’antica, con rispetto per i tifosi e mentalità da guerriero.

E di quale allenatore?

È complicato. Leonardo Jardim, naturalmente, che ci ha portato il titolo, ma anche Niko Kovac, che è qui da un anno e mezzo e sta facendo un ottimo lavoro. C’è anche Claudio Ranieri. Sono rimasto deluso quando se n’è andato. Ci ha fatto risalire in Ligue 1 e qualificare per la Champions League. Ranieri, mi è piaciuto molto.

Hai qualche desiderio per i prossimi dieci anni?

Come tutti i tifosi, vincere la Coppa dalle grandi orecchie (ride). Quando assaggi una finale di Champions League, vuoi rivivere il momento, questa volta si spera con un risultato migliore. Più realisticamente, vorremmo arrivare a quota dieci titoli di campioni di Francia! Ce ne mancano due.

I dieci anni dell’AS Monaco sotto la presidenza di Dmitri Rybolovlev

Trofei:

Pubblicità »

Campionato francese di Ligue 2:

Vincitori nel 2013

Campionato francese di Ligue 1:

Vincitori nel 2017,

Vice-campioni nel 2014 e nel 2018,

Terzi nel 2015, 2016 e 2021

Pubblicità »

Coppa di Francia:

Finalisti nel 2021

Supercoppa di Francia:  

Finalisti nel 2017 e nel 2018

Coupe de la Ligue:

Finalisti nel 2017 e nel 2018

Semifinalisti nel 2015 e nel 2019

UEFA Champions League:

Semifinalisti nel 2017

LEGGI ANCHE: INTERVISTA. Laurent Maire, presidente del Club dei tifosi dell’AS Monaco

Privacy Policy