Servizio

5 curiosità sul centro commerciale di Fontvieille

Centre commercial Fontvieille Monaco (1)

In occasione dei suoi 30 anni e dell’importante ristrutturazione prevista per il 2027, Monaco Tribune vi svela i segreti di questo centro commerciale che ha rivoluzionato le abitudini dei monegaschi, dei residenti e dei lavoratori del Principato.

1. È stato costruito al posto del vecchio stadio Louis-II

Il centro commerciale, inaugurato il 20 novembre 1992, ha preso il posto del vecchio stadio di calcio Louis-II, raso al suolo nel 1985 e ricostruito un po’ più avanti. L’idea era quella di creare un grande complesso architettonico che ospitasse la Collezione di automobili del Principe –oggi a Port Hercule– il Museo del francobollo e della moneta, il Museo navale, l’Espace Léo Ferré e l’incantevole giardino dell’UNESCO a completare il tutto.

Il vecchio stadio Louis-II
Il vecchio stadio Louis-II © DR

2. Ha incassato il doppio del fatturato rispetto a quello previsto

Secondo le prime indagini di mercato, il fatturato era stimato a 280 milioni di franchi, ma in realtà grazie alla clientela del Principato, ma anche a quella dei comuni limitrofi e dei pendolari, sarà poi il doppio. Il centro commerciale è tuttora molto redditizio: il fatturato attuale supera i 120 milioni di euro all’anno, “uno dei più alti del gruppo per metro quadro”, come ha dichiarato Rémi Feipeler, direttore da aprile 2019 a giugno 2022, a Monaco Business News all’inizio del 2022.

3. 2,2 milioni di ingressi e uscite registrati

Il successo del centro non sarebbe però lo stesso senza il Carrefour. L’arrivo dell’ipermercato, che oggi dà lavoro a 300 persone, ha rappresentato una piccola rivoluzione nel Principato. Prima, i monegaschi e i residenti dovevano recarsi in Francia o in Italia per trovare un grande supermercato. Per questo motivo il successo è stato immediato.

A titolo indicativo, nel 2021 il parcheggio da 534 posti ha registrato 2,2 milioni di ingressi e uscite di veicoli. E poiché la fortuna di uno è spesso la sfortuna di un altro, i piccoli negozi locali hanno inevitabilmente subito un danno dal punto di vista economico.

Il centro commerciale Fontvieille nel 2015 © Visit Monaco

4. La galleria è composta da 36 negozi

Attualmente, 36 punti vendita soddisfano le esigenze dei clienti. Naf Naf, Jules, Bébé Tendresse… La scelta è varia, tra negozi per uomo, donna e bambini, ma anche specializzati in arredamento e bellezza, senza dimenticare la salute e l’alimentazione… C’è tutto ciò che serve per un’esperienza di shopping di successo.

Più che un’area commerciale, il centro commerciale di Fontvieille è un vero e proprio ritrovo, che cambia con le stagioni e le novità. I laboratori creativi per i bambini a Natale e la raccolta di generi alimentari per l’Ucraina a marzo scorso ne sono la prova.

5. Sarà completamente ridisegnato nel 2027

Il centro commerciale di Fontvieille subirà una trasformazione radicale con un costo iniziale stimato in oltre 300 milioni di euro. Sarà una struttura moderna rivolta verso il mare dove si potrà passeggiare, guardare un film, fare shopping o pranzare, proprio come al Polygone Riviera di Cagnes-sur-Mer. Il centro commerciale sarà diviso su cinque piani e vanterà una superficie di vendita di quasi 34.000 metri quadrati, più del doppio di quella attuale.

Il Carrefour dispone attualmente di una superficie di 5.500 m2 e, al termine dei lavori, potrà contare su altri 1.000 m2. Tra le altre principali novità, un complesso cinematografico con 4 sale e un parco di quasi 2 ettari con circa 2.000 alberi, per rendere un po’ più verde il quartiere di Fontvieille.