Un ritorno atteso con ansia dai tifosi e dallo staff dell’AS Monaco quello di Golovin, dopo quattro mesi lontano dal campo. Ora, però, il suo ruolo in squadra comincia ad essere argomento di discussione. Che posizione affiderà Kovac al centrocampista russo ora che è arrivato il momento di indossare nuovamente la maglia del Monaco?

E se fosse lui il principale acquisto del calciomercato invernale (vedi riquadro in fondo)? Dopo mesi di convalescenza, Alexsandr Golovin ha finalmente partecipato agli allenamenti di gruppo e rientrerà in squadra in occasione della partita di mercoledì sera (alle 19:00) contro l’FC Loirent, che si terrà allo stadio di Moustoir. Sono queste le notizie confermate da Niko Kovac in conferenza stampa.

>> LEGGI ANCHE: Chrislain Matsima: maturità e talento al servizio dell’AS Monaco

“Mi sono consultato con il nostro personale medico, che mi ha raccomandato di non farlo necessariamente scendere in campo durante l’incontro”. Ha dichiarato l’allenatore monegasco, mostrando prudenza. “Dovremo fare attenzione, ma verrà con noi a Lorient. Gli daremo il tempo necessario per riprendere il gioco in modo graduale”.

Un ritorno graduale in squadra…

Dopo un infortunio alla coscia il 30 agosto scorso sul campo dell’FC Metz, il centrocampista russo ha potuto giocare solo due incontri dall’inizio della stagione. Quest’anno, Golovin era destinato a un ruolo centrale nella squadra. Il calciatore russo, però, si è dovuto limitare ad assistere alle performance dei suoi compagni, che si sono alternati con successo per non fare sentire la sua assenza. Primo tra tutti il 20enne Sofiane Diop, che si è imposto con successo sull’ala destra dello schema di gioco 4-4-2, elaborato da Niko Kovac dopo l’amara sconfitta contro il Lione (4-1).

>> LEGGI ANCHE: Vito Mannone (AS Monaco): “Sono felicissimo di entrare a far parte di questa squadra di talenti”

Un’ascesa incredibile, quella del giovane centrocampista francese, che ha consentito all’allenatore di non affrettare il ritorno di Golovin, che riprenderà il suo posto in squadra nei prossimi incontri. Due volte titolare, oltre che centrocampista nello schema 4-3-3, caratteristico dei primi incontri con Niko Kovac sugli spalti, il calciatore russo non è più cresciuto all’interno della squadra dopo il passaggio al 4-4-2 (o 4-2-3-1 se consideriamo la posizione ibrida e isolata di Kevin Volland). Uno schema che, a prima vista, non sembrerebbe adatto alle sue qualità.

…Forse come numero 10?

“Abbiamo la fortuna di avere in squadra diversi giocatori polivalenti e Golo è uno di questi”. Afferma l’allenatore dell’ASM. “Potrebbe passare in offensiva, ma credo che la sua posizione migliore sia come numero 10. Fino a oggi, abbiamo avuto Wissam (Ben Yedder) e Kevin (Volland) rispettivamente al 9 e al 10 e siamo molto soddisfatti di questa combinazione”.

>> LEGGI ANCHE: La millesima vittoria del Monaco celebrata sotto lo sguardo attento di Dmitry Rybolovlev

Secondo Niko Kovac, Golovin, nato a Kalatan, nel sud della Russia, potrebbe rimpiazzare il duo Ben Yedder-Volland, nonostante questo si sia mostrato vincente nelle statistiche (14 goal su 28 in totale, 6 passaggi decisivi dall’inizio della stagione). Sofiane Diop sembrerebbe, quindi, mantenere il suo posto, il che la dice lunga sulla fiducia che l’allenatore croato ripone nel giovane centrocampista francese.


Calciomercato: un solo acquisto?

In conferenza stampa, Niko Kovac ha inoltre affrontato l’argomento calciomercato invernale, iniziato il 2 gennaio scorso. Secondo l’allenatore del Monaco, non dovrebbero esserci troppi movimenti. “Siamo molto contenti della squadra attuale. Come tutti, teniamo sempre un occhio sul mercato delle trasferte. Di questo si occupano Paul Mitchell e Laurence Stewart. In difesa e a centrocampo? Non abbiamo necessità particolari. Ma se si presenta un’opportunità, perché non coglierla…” Chissà! In ogni caso, ci sembra difficile pensare che, quest’inverno, Paul Mitchell e l’AS Monaco non concretizzino almeno un acquisto.