Analisi

Ecco come Monaco sta sostenendo l’Ucraina dall’inizio della guerra

ukraine-fight-aids-monaco
La Principessa Stéphanie ha creato un piccolo quadrato blu e giallo con la parola "futuro" e sotto il disegno di una stretta di mano, simbolo di pace e solidarietà / © Fight Aids Monaco

La mobilitazione a sostegno del popolo ucraino è ancora in corso. Dopo 11 mesi, il Paese sta ancora subendo attacchi devastanti.

Un nuovo anno ha avuto inizio, ma purtroppo la guerra in Ucraina non è ancora finita e i bombardamenti continuano in diverse zone del Paese. In simili circostanze, l’assistenza internazionale è essenziale. Monaco continua a sostenere il popolo ucraino su tutti i livelli, così come ha fatto dall’inizio dell’offensiva il 24 febbraio 2022.

La Croce Rossa monegasca è il centro della solidarietà

Il Sovrano ha immediatamente condannato in modo inequivocabile l’invasione dell’Ucraina: ” Il Principato di Monaco riafferma la sua posizione di assoluto rispetto del diritto internazionale, della sovranità, dell’integrità e dell’indipendenza degli Stati. Sostiene che i disaccordi e i conflitti debbano essere risolti tramite il dialogo e la diplomazia”, ha dichiarato prima di menzionare la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati ucraini. A metà settembre, infatti, circa 190 persone avevano trovato rifugio nel Principato.

La Croce Rossa monegasca ha deciso di intervenire tempestivamente, sia sul posto, fornendo ogni genere di prodotto e assistenza di prima necessità – in collaborazione con il Centro Cardio-Toracico di Monaco – sia offrendo ai rifugiati arrivati nel Principato una vita dignitosa.

Oltre all’invio di squadre nel Paese, è stato lanciato un appello alle donazioni. Questo ha consentito di raccogliere 170.000 euro in sole 72 ore, che sono diventati 1,7 milioni lo scorso luglio. ” La nostra raccolta fondi ha ottenuto una risposta sorprendente dalla popolazione: i monegaschi e i residenti hanno mostrato molta empatia”, ha commentato Yann Bertrand, direttore amministrativo della Croce Rossa monegasca. “Dobbiamo essere fieri della gestione di questa crisi a Monaco”, ha poi aggiunto.

Altre organizzazioni si sono dedicate alla causa, tra cui Caritas Monaco, che ha raccolto e inviato 69.000 euro alle popolazioni colpite dal conflitto nei giorni successivi all’inizio dell’invasione. L’associazione presieduta dalla Principessa Carolina, AMADE, si è concentrata, invece, sugli aiuti di emergenza per le donne e i bambini rimasti in Ucraina.

ukraine-amade-femmes-enfants
L’Associazione Mondiale Amici dei Bambini sostiene il paese dall’inizio della guerra / © ALIMA

“Le donne sono maggiormente esposte al rischio di abusi, compresa la violenza sessuale”, ha avvertito l’organizzazione, concentrando gli aiuti sul reparto maternità dell’ospedale di Mykolaiv, danneggiato dal bombardamento.

Con il sostegno del Governo del Principe, queste associazioni monegasche sono riuscite a garantire la scolarizzazione dei bambini, l’assistenza medica ai rifugiati, l’iscrizione agli asili nido per i neonati e l’istituzione di un’unità di ascolto per le famiglie.

Sensibile alla situazione di emergenza in cui versano gli ucraini affetti da HIV, la Principessa Stéphanie, Presidente fondatrice di Fight Aids Monaco, ha risposto all’appello internazionale per i fondi del Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’HIV, UNAIDS, con una donazione di 25.000 euro.

princesse-stephanie-ukraine-fight-aids-monaco
La principessa Stephanie ha reso omaggio al popolo ucraino con l’artista monegasco Mr OneTeas / © Frederic Nebinger

Monegaschi e residenti si sono mostrati piuttosto generosi all’ingresso del Carrefour Fontvieille, dove sono stati allestiti degli stand durante il mese di marzo. La fondazione “Amici di Aleksandr Savchuk” ha raccolto alimenti per adulti e bambini, prodotti per l’igiene e altri articoli, per poi traportarli fino in Ucraina.

Particolarmente commossi dalla notizia, i clienti del centro commerciale sono stati molto generosi. “Dobbiamo assolutamente aiutare queste persone, è una situazione che mi sta molto a cuore, questa gente che ha perso tutto “, ci ha confidato uno di loro.

Allo stesso tempo, il Municipio di Monaco ha organizzato, presso l’Espace Léo Ferré, una raccolta di beni di prima necessità (sacchi a pelo, sapone, pannolini, ecc.) da inviare in Ucraina.

Anche il mondo dello sport e quello della cultura si sono mobilitati

Per quanto riguarda il mondo dello sport, il Roca Team e l’AS Monaco hanno voluto rispondere al conflitto. Solo pochi giorni dopo l’inizio della guerra, l’ex giocatore e ora assistente allenatore del Roca Team, Sergiy Gladyrha, ha mostrato la scritta “Stop War” sul suo tabellone strategico. L’AS Monaco, invece, ha pubblicato un video sui suoi canali social con un appello pacifico: #TheOnlyGoalisPeace.

as monaco basket crise ucraine
© AS Monaco Basket

Anche il pivot lituano Donatas Motiejunas ha apportato il suo sostegno all’Ucraina dopo una partita di Euroleague contro il Fenerbahce (92-78): “Dovremmo fare un momento di silenzio per tutto quello che sta succedendo in Europa in questo momento. Molte persone innocenti stanno morendo… Per favore, fermate la guerra in Ucraina. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a loro in questo momento. Grazie”.

Poco dopo, all’inizio di marzo, l’ASM e il suo presidente russo Dmitri Rybolovlev (a titolo personale) hanno fatto una donazione alla Croce Rossa monegasca per sostenere la popolazione civile ucraina. Dmitri Rybolovlev ha dichiarato: “È assolutamente necessario sostenere chi soffre di più. Per questo io, l’AS Monaco e il Cercle Bruges, oltre a varie società in cui sono investiti i fondi della famiglia Rybolovlev, abbiamo deciso di donare per fornire aiuti umanitari”.

A fine marzo, prima della partita contro il PSG, Rybolovlev ha fatto un’altra donazione personale alla Croce Rossa di Monaco, e il Club ha versato all’associazione una parte dell’incasso della partita contro i parigini. Un mese dopo, le maglie del derby Monaco-Nizza sono state messe all’asta e il ricavato è stato donato al Secours Populaire des Alpes-Maritimes per sostenere i rifugiati ucraini. Contemporaneamente, il Presidente del Club di Monaco ha effettuato ancora una donazione, a titolo personale, il cui importo non è stato reso noto.

Lo scorso dicembre, durante un galà organizzato allo Yacht Club di Monaco, sono stati raccolti quasi 250.000 euro per la Fondazione Elina Svitolina, la cui missione principale è promuovere lo sport e il tennis in Ucraina. “Ci occupiamo delle popolazioni sfollate, compresi i bambini. Vogliamo dare loro l’opportunità di vivere una vita normale”, ha detto la tennista ucraina a proposito del ruolo della sua associazione.

Anche il mondo della cultura si è mostrato solidale. Il ricavato di diversi spettacoli al Teatro Principessa Grace, al Grimaldi Forum e all’Opera di Monte Carlo è stato interamente devoluto alla Croce Rossa monegasca. Per quanto riguarda il Ballets de Monte-Carlo, il direttore artistico, Jean-Christophe Maillot, ha annunciato la sospensione temporanea di uno dei suoi spettacoli al Teatro Bolshoi di Mosca. L’istituzione era anche intenzionata a fornire assistenza materiale e finanziaria, nonché sostegno umano all’Ucraina.

“A prescindere da questa decisione, vorrei esprimere il mio profondo affetto a tutto il personale e in particolare agli artisti coreografi del Teatro Bolshoi di Mosca con cui ho avuto il piacere di lavorare negli ultimi sette anni, nonché il mio profondo rispetto per coloro che hanno preso posizione contro la guerra”, ha scritto su Instagram.

In segno simbolico e di unità, l’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo ha riunito in un concerto un direttore russo e un violinista ucraino. Il 23 ottobre, il russo Stanislav Kochanovsky e il violinista di origine ucraina Valeriy Sokolov hanno unito i loro talenti per eseguire un sontuoso concerto sinfonico su “L’apoteosi della danza”.

stanislav-kochanovsky-valeriy-sokolov-orchestre-philharmonique-monte-carlo
Un bellissimo messaggio di pace espresso da due grandi artisti all’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo / © André Peyrègne

Infine, il Principato non ha dimenticato gli amici a quattro zampe, dimostrando una particolare attenzione per gli animali. A maggio, un appello di solidarietà per lo zoo ucraino di Kharkiv, lanciato da Hélène Granouillac, rappresentante eletta a Nizza, è stato accolto dal Jardin Animalier de Monaco che ha donato 550 kg di cibo per gli uccelli dello zoo e per i cani e i gatti abbandonati.

Come possiamo continuare ad aiutare?

L’inverno minaccia la vita di milioni di persone nel Paese devastato dalla guerra. “Con i continui bombardamenti, la gente è rimasta senza elettricità e riscaldamento. Abbiamo bisogno di generatori elettrici, powerbank, candele, biancheria termica, coperte e cibo”, ha spiegato Zhanna Bubka, del collettivo Help Monaco Ukraine, a Monaco Info lo scorso giovedì 29 dicembre.

Come sottolinea la Principessa Stephanie sul suo cartellone, il futuro dell’Ucraina dipende dalla solidarietà. Continuiamo così!


Ecco come potete continuare ad aiutare:

Sostenete la Croce Rossa Monegasca nelle sue iniziative in favore dell’Ucraina, e in particolare per la futura ricostruzione del Paese, con un assegno intestato a: Croce Rossa Monegasca – Ucraina – 27 Boulevard de Suisse – 98000 Monaco o online sul sito ufficiale.

Donate ogni generi di alimenti e vestiti attraverso le raccolte organizzate dal collettivo Help Ukraine Monaco. A quanto dicono i membri, la prossima raccolta dovrebbe avvenire prima di Pasqua. Per ulteriori informazioni: +33 6 40 61 97 55.